Vini Valpolicella, si avvicina la vendemmia di un'uva di ottima qualità

Non si prevedono eccessi produttivi, mentre il mercato 2019 promette bene specialmente per Ripasso e Amarone

Bicchieri di Amarone (Foto di repertorio)

Un’uva di ottima qualità e una vendemmia senza eccessi produttivi, ma anche un mercato 2019 che promette bene per i vini della Valpolicella, specie per Ripasso e Amarone. È il verdetto emerso a Valpolitech in Cantina, la rassegna sui macchinari enologici green organizzata a Nesente dal Consorzio Tutela Vini Valpolicella, sulla prima denominazione rossa del Veneto, che sembra soffrire meno sul fronte dei prezzi rispetto ai ribassi registrati dalle altre grandi Doc italiane.

Lo stato dell'arte che emerge è sostanzialmente positivo, a partire dal ritorno alla normalità di una vendemmia prevista per metà settembre con volumi ridotti del 7-8% anche per effetto delle recenti misure contenitive. Scendono i volumi rispetto all’iper-produzione 2018 ma sale il mercato: «Stiamo registrando una crescita significativa del prodotto imbottigliato, che per esperienza è parametro attendibile sulle vendite - ha detto il presidente del Consorzio tutela vini Valpolicella Andrea Sartori - Quest'anno gli incrementi per Amarone e Ripasso si attestano rispettivamente attorno al 7% e all’8%. Un buon segno ma non basta, la partita si gioca anche sul prezzo quindi non bisogna abbassare la guardia, sia in sede consortile che nelle trattative private. La qualità si paga».

«Specie in periodi complessi come questo è necessario adeguare misure per la corretta gestione del territorio e della sua economia - ha aggiunto la direttrice del Consorzio Olga Bussinello - Le modifiche al disciplinare e le misure temporanee adottate per salvaguardare il mercato lungo tutta la filiera vanno in questa direzione. Stiamo lavorando per prevenire il mercato e le sue distorsioni ma anche per assecondare la svolta green del nostro vino».

Dalla prossima vendemmia, presentata dall'agronomo Renzo Caobelli, il Consorzio si aspetta un prodotto con caratteristiche migliori rispetto alle precedenti, soprattutto grazie a tenori ottimali di zuccheri, buone acidità e percentuali notevoli di antociani (le sostanze responsabili del colore rosso dell'acino), superiori alle medie dell'anno scorso. Anche l'andamento fitosanitario non ha evidenziato particolari problemi, per via della corretta gestione degli agenti patogeni. Si registra, infine, solo un lieve ritardo nell'inizio della raccolta, riallineandosi così con la media storica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finisce fuori strada con la Ferrari, ipotesi malore: muore imprenditore in Transpolesana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 14 al 16 febbraio 2020

  • Rubavano dalla cassa del negozio per cui lavoravano: commesse in manette

  • Preleva 1.500 euro con un bancomat rubato, scoperto e denunciato

  • Tre persone portate in ospedale dopo un scontro frontale tra due auto

  • Finalmente insieme a Verona i vincitori del concorso di San Valentino

Torna su
VeronaSera è in caricamento