menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il vigneto di Fieramonte

Il vigneto di Fieramonte

Amarone Riserva Fieramonte di Allegrini incoronato miglior rosso 2020

Il verdetto è del magazine britannico Decanter, una delle più prestigiose riviste enologiche. Marilisa Allegrini: «Vino forte ed elegante. Nasce da un vigneto dove le uve maturano con equilibrio e dolcezza»

Fieramonte 2012 (Amarone Riserva di Allegrini) è il miglior vino rosso del 2020. Questo il verdetto del magazine britannico Decanter, una delle più prestigiose riviste enologiche. Fieramonte è stato prima segnalato dal corrispondente italiano del magazine Aldo Fiordelli, quindi, risultato tra i campioni selezionati, è stato oggetto di un nuovo tasting alla cieca da parte dei giudici: il master of wine Andy Howard, il master sommelier Ronan Sayburn, e Beth Willard, buying manager di Direct Wines. E il punteggio medio del vino veronese è stato di 98/100.

Allegrini Fieramonte 2012 TOP RED Decanter-2

«È un grande riconoscimento per l’Amarone e per la Valpolicella - ha commentato Marilisa Allegrini - Sono quarant’anni che racconto nel mondo la Valpolicella, Verona, la Corvina e l’appassimento, con grande amore e passione, e questo riconoscimento da parte di una rivista importante, e in un anno complicato, mi rende molto felice. Ed è un grande premio per mio fratello Franco, che è stato caparbio, e ha aspettato che questo vigneto avesse la maturità fisiologica per fare un cru di Amarone, che è un vino che gode molto della tecnica di produzione. Si tratta di una produzione limitata a non più di 5mila bottiglie l'anno, di un vino forte ed elegante, testimone ed interprete dell’identità di Allegrini. Tutto nasce dal vigneto omonimo, Fieramonte appunto, di alta collina, esposto ad est, un luogo vocato dove, come diceva nostro padre Giovanni, le uve maturano in modo perfetto, con equilibrio e dolcezza».

La 2012 è la seconda annata da quando Fieramonte è tornato in commercio dopo una pausa di oltre 25 anni. Nel 2001 il reimpianto, quindi un lungo periodo di attesa perché le viti raggiungessero il giusto livello di maturità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento