Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Economia San Bonifacio

Nasce "Calzolai 2.0", il presidente è il veronese Paride Geroli

Via all'associazione che mirerà alla cooperazione, i nuovi strumenti di comunione, comunicazione e conoscenza informatici ed i social networks, la formazione professionale continua e supplementare

Paride Geroli, veronese di San Bonifacio, presidente regionale Veneto dei calzolai di Confartigianato e della categoria Moda di Confartigianato Verona, è stato eletto, per acclamazione, primo presidente della neonata associazione "Calzolai 2.0" per il triennio 2013-2016. Lo affiancherà il varesino Mirko Merighi, chiamato alla vice presidenza, ed un comitato direttivo di sei artigiani cazolai provenienti da varie province del nord Italia. Ad eleggerli l’assemblea di oltre 70 artigiani calzolai provenienti per lo più da Veneto, Friuli, Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna che hanno preso al convegno interregionale su “La nuova frontiera della scarpa su misura. Il calzolaio si rapporta al foot scanner”.

Una platea che qualcuno potrebbe ritenere “d’altri tempi”, ma chiamata invece ad aderire al progetto Calzolai 2.0, una nuova associazione di mestiere che avrà lo scopo di dare una rappresentanza nazionale alla categoria, aderendo a Confartigianato nazionale. Non solo, infatti, l’Associazione perseguirà “la rappresentanza, la salvaguardia, la valorizzazione, la crescita e la promozione intensiva verso il pubblico, anche tramite fiere e mercati nazionali e internazionali, del mestiere del calzolaio e della produzione delle scarpe su misura, attraverso tutte le iniziative che riterrà più idonee per raggiungere tale finalità, ivi compresa l’adesione a Confederazioni nazionali imprenditoriali. Essa intende inoltre favorire la cooperazione, le forme di aggregazione, i nuovi strumenti di comunione, comunicazione e conoscenza informatici ed i social networks, la formazione professionale continua e supplementare, la qualificazione professionale. Scopo dell’associazione sarà altresì creare sinergie e collaborazioni con scuole di formazione e professionali per Calzolai e Calzaturieri a livello regionale, nazionale ed internazionale.

“Il calzolaio sta vivendo una stagione tumultuosa – dichiarano Paride Geroli e Mirko Merighi, neo Presidente e Vice dell’Associazione -. La profonda crisi economica e di consumi in atto, da un lato ci avvantaggia perché la gente è tornata a manutenere le proprie scarpe invece che cambiarle, dall’altro ci penalizza per la scarsa qualità delle calzature che ci arrivano in riparazione, per i prezzi esigui che i clienti sono disposti a spendere e soprattutto per il peso burocratico/fiscale insopportabile a cui anche noi come artigiani siamo soggetti”.

“Ma le prospettive sono interessanti – proseguono-. C’è infatti un grande interesse per calzature su misura. Un mercato che tutti noi calzolai (ben 2.650 imprese sparse per tutto il nord Italia) possiamo aggredire grazie all’aiuto della tecnologia, come attraverso l’uso del Foot-scanner (presentato nelle sua applicazioni concrete dal tecnico Delcam Maurizio Canil e dal Maestro calzolaio Simone Segalin), che può aiutarci a realizzare scarpe su misura in modo più semplice e veloce. In poche parole si tratta di una nuova strumentazione, il Foot Scanner, appunto, che permette di realizzare calzature tecnologicamente personalizzate oltre che velocizzare e semplificare molte delle fasi necessarie alla loro realizzazione”. I calzolai hanno registrato nel corso del 2012 un saldo positivo tra nascite e cessazioni di imprese in gran parte delle regioni del Nord. In Veneto ad esempio sono nate ben 34 nuove imprese che hanno compensato le 24 chiusure con un saldo di 8 imprese in più (il tasso di sviluppo è pari al 2%). Molto bene è andata anche in Liguria con un tasso di sviluppo del 6,7% e in Friuli +4%. Un leggero calo si è registrato invece in Lombardia Piemonte e Trentino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce "Calzolai 2.0", il presidente è il veronese Paride Geroli

VeronaSera è in caricamento