menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto di repertorio)

(Foto di repertorio)

Buste paga più corpose, bonus e novità sui pagamenti a partire da luglio

L'inizio del mese coincide con l'inizio di alcuni cambiamenti che interessano i portafogli di molti italiani

Oggi è l'1 luglio 2020, giorno in cui scattano alcune novità che interessano il portafoglio degli italiani. Dagli aumenti in busta paga ai bonus, Today ha riassunto i principali cambiamenti che partono oggi.

Con il taglio del cuneo fiscale, la busta paga di molti cittadini sarà più sostanziosa. Vengono, infatti, superati i famosi 80 euro in più introdotti dal Governo Renzi. Il nuovo sistema è misto e soprattutto non è uguale per tutti, ma prevede un bonus sempre più sottile man mano che il livello di reddito cresce e si azzera per i redditi superiori ai 40mila euro l'anno.

L'altra novità è che si abbassa ancor di più il tetto per l'uso del contante. I pagamenti dovranno essere fatti elettronicamente per spese superiori ai duemila euro. E tra due anni è previsto un ulteriore abbassamento a mille euro.
I professionisti dovranno quindi dotarsi di pos o di strumenti che permettano il pagamento con carte di credito. Anzi, entra proprio in vigore l'obbligo di dotarsi di questi strumenti, anche se non ci sono sanzioni per chi non lo rispetta. Comunque, chi accetta pagamenti con moneta elettronica può accedere a un nuovo credito d'imposta che gli permetterà di recuperare parta delle spese sostenute in commissioni o in costi fissi per le transazioni effettuate.

Non è ancora del tutto chiaro, ma da oggi in Italia c'è anche il superbonus per le ristrutturazioni, uno sconto fiscale spalmato su 5 anni che può arrivare anche al 110% per chi riqualifica energeticamente un edificio o per i lavori di messa in sicurezza anti-sismica.
Ma il bonus più di stretta attualità è quello per le vacanze. Le famiglie con Isee inferiore ai 40mila euro, potranno ricevere un bonus fino a 500 euro da spendere in un unica soluzione per una vacanza in Italia. Il bonus può essere speso nelle strutture ricettive aderenti. Infatti, non c'è l'obbligo per le strutture di accettare il pagamento attraverso il bonus vacanze e quindi è sempre meglio informarsi prima di prenotare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento