menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine generica

Immagine generica

Metalmeccanica, cala la produzione in Italia. Cresce l'export veronese

Sono i risultati dell'indagine congiunturale di Federmeccanica, sui primi 9 mesi del 2019. «Nella nostra provincia invece l’andamento del settore non è omogeneo ma ci sono ambiti in cui l’export continua a macinare buoni risultati», ha detto Massimo Fabbri

Nel terzo trimestre dell’anno in corso, sulla base dei dati di fonte ISTAT, i volumi di produzione a livello nazionale del settore metalmeccanico evidenziano una caduta pari all’1% rispetto al precedente trimestre e del 2% nel confronto con l’analogo periodo dell’anno precedente.

Complessivamente, nei primi nove mesi del 2019 l’attività produttiva metalmeccanica nazionale è diminuita del 2.5% rispetto all’anno precedente, con risultati negativi diffusi alla quasi totalità dei comparti che compongono l’aggregato. Le attività metallurgiche hanno evidenziato una flessione media dei volumi pari al 2.3%, quelle relative ai prodotti in metallo del 3.5% e la meccanica strumentale del 2.2%.

La produzione di autoveicoli è crollata del 9.2% mentre, si è registrato un moderato incremento per la produzione di apparecchiature per telecomunicazioni e strumenti di precisione (+1.2%) ed una significativa crescita (+4.3%) per il comparto degli altri mezzi di trasporto (costruzioni di locomotive, di navi ed imbarcazioni e di aeromobili e veicoli spaziali).

Sulla situazione pesa da un lato la debolezza della domanda interna, in particolare quella per beni di investimento in macchine ed attrezzature e mezzi di trasporto, e dall’altro una inversione delle dinamiche esportative che nei primi nove mesi dell’anno hanno evidenziato una contrazione in valore pari allo 0.8%. In particolare i flussi di prodotti metalmeccanici diretti all’estero hanno registrato flessioni verso la Francia (2.2%) e la Germania (-1.4%), paesi che da soli assorbono quasi il 25% delle nostre esportazioni complessive, ma diminuzioni più consistenti si sono avute verso la Turchia (-14.9%) e la Cina (-6.4%).

Relativamente al fattore lavoro, nei primi 9 mesi dell’anno, sono state autorizzate nel settore metalmeccanico 92 milioni di ore, corrispondenti a circa 100.000 lavoratori a tempo pieno non utilizzati nei processi produttivi. L’incremento, rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente, è stato mediamente pari al +57.9% con un picco del 95.4% per le ore autorizzate di CIG straordinaria.

Nelle imprese metalmeccaniche italiane con oltre 500 addetti, sempre con riferimento al periodo gennaio – settembre 2019, l’occupazione è diminuita mediamente dell’1% e le ore pro-capite lavorate si sono contratte dello 0,4%.

Sulla base dei dati desunti dall’indagine congiunturale Federmeccanica, le prospettive occupazionali a 6 mesi, dopo aver evidenziato dinamiche positive ma cedenti nel corso delle rilevazioni più recenti risultano, ora, negative.

A Verona sono oltre 4.900 le imprese metalmeccaniche, numero che rappresenta circa il 41% del numero totale di imprese del manifatturiero.

Buona la performance dell’export che nel secondo trimestre del 2019 ha raggiunto la quota di circa 2 miliardi e 406 milioni con un incremento del 3% rispetto al secondo trimestre del 2018. Da solo, l’export del settore vale il 41% dell’export totale veronese. Verona è nella “Top 10” italiana tra le province esportatrici nelle categorie dei macchinari e delle cisterne e radiatori. Con un valore dell’import di oltre 5 miliardi e 159 milioni nel secondo trimestre del 2019, in aumento del 3.3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, la nostra provincia si conferma 1° nel Veneto. Le migliori performance si registrano per gli apparecchi elettrici (+8%) e i mezzi di trasporto (+5.5%). Negative invece le variazioni per gli altri prodotti, in particolare per i metalli di base e prodotti in metalli a cui si attribuisce la diminuzione più marcata (-4.7%).

L’andamento del settore a livello nazionale è in discesa dal 2018 e risente dei cambi di scenario internazionali con un calo più marcato nell’automotive - Massimo Fabbri, presidente della sezione metalmeccanici di Confindustria Verona - Nella nostra provincia invece l’andamento del settore non è omogeneo ma ci sono ambiti in cui l’export continua a macinare buoni risultati.
Per certi versi, la politica dei dazi USA verso la Cina sta generando un aumento della nostra quota di esportazione per la non completa autosufficienza USA in alcuni comparti; le esportazioni dal veronese verso gli USA sono aumentate ed oggi pesano per il 6,4% del totale export della provincia rispetto al 4,9 del 2018.
Ci sono tuttavia all’orizzonte segnali che potrebbero avere ricadute anche negative nel nostro territorio come il rallentamento della Germania, lo stallo dell'automotive e le indecisioni sulla produzione dell'acciaio italiano.
Rimaniamo in attesa di veder confermate le misure per l'incentivazione 4.0 che sicuramente dovrebbero aiutare le nostre aziende a continuare a completare l'opera di efficientamento delle nostre fabbriche e il recupero della competitività necessaria ad affrontare questa nuova fase critica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento