Mercatone Uno, tavolo di crisi con l'assessore regionale al Lavoro Elena Donazzan

È stata decisa anche l'attivazione di iniziative a tutela degli immobili e delle merci nei punti vendita attualmente chiusi, al fine di prevenire spiacevoli fenomeni di sciacallaggio

Il tavolo di crisi per la vicenda "Mercatone Uno"

Si è riunito giovedì 6 giugno nella sede di Veneto Lavoro, alla presenza dell’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan e del suo collega alla cultura, assistiti dall’unità di crisi della stessa Regione, il tavolo di crisi su “Mercatone Uno”, a cui hanno partecipato le organizzazioni sindacali, le rappresentanze dei fornitori, le associazioni dei consumatori e i sindaci dei quattro Comuni veneti (Legnago, Carrè, Noventa Padovana e Occhiobello) dove insistono i punti vendita della catena, a gestione Shernon Holding.

L’incontro ha avuto la funzione principale di strutturare un coordinamento regionale rispetto a questa situazione di crisi che interessa fortemente il nostro territorio. Obiettivo del tavolo è stato quello di realizzare una presentazione puntuale dell’attuale situazione di crisi sia per quanto riguarda gli ambiti occupazionali che produttivi e sociali. In relazione a ciò, l’assessore Donazzan si farà carico di richiedere al Ministro lo stato di avanzamento degli impegni assunti nel corso del tavolo del 27 maggio scorso con particolare riguardo alle tempistiche procedurali in capo al Tribunale di Bologna da cui dipenderà l’eventuale prosecuzione delle attività aziendali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre a ciò si è provveduto a verificare con le istituzioni locali l’attivazione di iniziative di tutela degli immobili e delle merci dei punti vendita “Mercatone Uno” attualmente chiusi, al fine di prevenire fenomeni di sciacallaggio già avvenuti in altre regioni e di assistere, per il tramite delle associazioni dei consumatori presenti, quei clienti che si sono impegnati in acquisti non consegnati. Le parti hanno concordato di mantenere il tavolo aperto al fine monitorare costantemente l’evoluzione dell’attuale situazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Esce di strada da solo, inutili i soccorsi: morto motociclista dopo l'incidente

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

Torna su
VeronaSera è in caricamento