rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Economia Borgo Venezia / Via Giambettino Cignaroli

Mercato immobiliare di Verona: i prezzi salgono ed anche gli investimenti

Il gruppo Tecnocasa ha fatto diffuso i dati su case, capannoni e negozi. In città, l'incremento dei prezzi più elevato si registra a Borgo Venezia, interessata da una forte richiesta da parte di investitori

Ieri, 13 novembre, il gruppo Tecnocasa ha fatto diffuso i dati in suo possesso sul mercato immobiliare veronese. Un mercato che nel primo semestre di quest'anno fa segnare un aumento degli acquisti per investimento ed una crescita del prezzo medio delle case.

Nei primi sei mesi del 2019 i valori immobiliari della città di Verona sono in crescita dell'1,2%. Il mercato evidenzia un buon numero di richieste, un'offerta immobiliare in leggera contrazione e tempi medi di vendita in lieve calo. L'incremento dei prezzi più elevato si registra nella macroarea di Borgo Venezia, interessata da una forte richiesta da parte di investitori in cerca di abitazioni da utilizzare sul mercato degli affitti turistici oppure da affittare a studenti universitari.
A Verona la tipologia più richiesta è il trilocale con il 40,0% delle preferenze. Per quanto riguarda l'offerta è il 4 locali la tipologia più presente sul mercato (31,9%). La disponibilità di spesa dei potenziali acquirenti si concentra nella fascia più bassa, quella che arriva a 119 mila euro (33%), a seguire la fascia compresa tra 120 e 169 mila euro (28%).
In crescita il mercato degli affitti che nel primo semestre 2019 vede i canoni dei bilocali aumentare del 2,5% e quelli dei trilocali dell'1,9%.
Complessivamente, nel primo semestre del 2019 si registra una live flessione delle compravendite residenziali a Verona città (-2,9%) rispetto al primo semestre del 2018. Mentre in provincia il numero delle compravendite è in crescita (8,2%) rispetto al primo semestre del 2018.

Ma il mercato immobiliare è composto anche dal settore non residenziale. A Verona, nei primi mesi del 2019, aumenta la domanda di capannoni, alimentata dai prezzi bassi, ma i valori immobiliari sono stabili. Si muovono soprattutto aziende locali, spesso artigianali. Mentre il mercato dei negozi nelle zone centrali della città è influenzato, negli ultimi tempi, dall'aumento dei turisti in arrivo. Questo sta comportando un aumento della domanda di spazi da destinare alla ristorazione veloce e take away.
Nel resto della provincia, non si segnalano importanti cambiamenti sul mercato immobiliare dei capannoni nella zona occidentale. Poco richieste le soluzioni ubicate a Vigasio, Buttapietra e Isola della Scala perché posizionate lontano dall’uscita di Verona Sud. A San Martino Buonalbergo i capannoni presenti nell’area industriale sono sempre richiesti per il buon accesso alla tangenziale sud di Verona e all’autostrada di Verona Est. Chi cerca spazi commerciali, invece, si orienta in modo particolare nei comuni di Villafranca e Bussolengo. A San Martino Buonalbergo la domanda di locali commerciali è particolarmente concentrata nelle strade centrali ad alto passaggio. Infine, il mercato degli uffici a Villafranca e Bussolengo soffre e a San Martino Buonalbergo non si registra una importante domanda di locali terziari.

Conferenza Stampa Tecnocasa Verona 13.11.2109-2
(La presentazione di Tecnocasa)

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato immobiliare di Verona: i prezzi salgono ed anche gli investimenti

VeronaSera è in caricamento