Lunedì, 18 Ottobre 2021
Economia San Giovanni Lupatoto / Via Monte Carega

Melegatti, Abalone non si fa da parte. "Siamo gli unici finanziatori reali"

Il fondo maltese che ha finanziato la mini-campagna del Natale non è svanito nel nulla dopo l'approvazione da parte della proprietà della ditta dolciaria della proposta di salvataggio presentata da Hausbrandt

Agli inizi di febbraio eravamo rimasti al tentativo di ricomposizione da parte del fondo maltese Abalone dopo l'ultimatum caduto nel vuoto e la richiesta di cassa integrazione per i lavoratori della Melegatti. Il fondo che aveva finanziato la mini campagna di produzione di dolci per Natale era pronta per finanziare anche quella di Pasqua, ma non è stato trovato l'accordo e il tribunale non ha potuto dare il via libera alla ripresa della produzione nello stabilimento di San Giovanni Lupatoto. Poi è arrivata l'offerta di Hausbrandt, l'azienda del mercato del caffè pronta a rilevare la ditta dolciaria veronese per rilanciarla e coprire i debiti.

Abalone però non è che sia svanito nel nulla e con un comunicato stampa, ripreso anche da TgVerona, ha ribadito di essere al momento l'unico finanziatore reale a sostegno della Melegatti. Un finanziatore che non sembra intenzionato a farsi da parte. Nella nota si legge quasi la stizza per non aver ricevuto nessuna comunicazione ufficialmente sull'interessamento di Hausbrandt, interessamento che non è stato giudicato negativamente, anzi il fondo si è detto disponibile a partecipare con l'azienda trevigiana al salvataggio dell'azienda per tutelare i posti di lavoro.

La prossima partita importante per il futuro della Melegatti è in programma tra dieci giorni. Il 23 febbraio il tribunale di Verona ha convocato un'udienza in cui si potrà vedere quanto è credibile il piano di risanamento proposto da Hausbrandt per la Melegatti, con la consapevolezza che ormai il treno della Pasqua è passato. Chi non vuole passare, invece, è Abalone che la mini-campagna del Natale avrebbe finanziato anche quella di Pasqua se la proprietà di Melegatti avesse accettato la sua proposta. Ma la proposta accettata è quella di Hausbrandt e questo potrebbe creare un conflitto di tipo legale con il fondo maltese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Melegatti, Abalone non si fa da parte. "Siamo gli unici finanziatori reali"

VeronaSera è in caricamento