Mele e pere. Una stagione negativa a causa dei fenomeni atmosferici

A stilare il bilancio della produzione 2017 è la CIA Verona: "In generale i risultati sono deludenti anche in riva all’Adige, perché la siccità ha portato a pezzature inferiori del prodotto e quindi a prezzi minori sul mercato"

Crollo della produzione a Zevio, ma buona raccolta per il Basso Veronese, dove il gelo e la grandine hanno colpito meno. È il bilancio stilato dalla sezione scaligera della Confederazione Italiana Agricoltori sulla stagione delle mele, contrassegnata da una produzione a macchia di leopardo dovuta ai fenomeni atmosferici (gelate, siccità e grandinate) che hanno influenzato i risultati.

Nel territorio veronese è andata meglio che in Trentino, dove le perdite hanno raggiunto il 60%, e della Germania – sottolinea Andrea Lavagnoli, presidente di Cia Verona -, che ha segnato un calo del 46% favorendo, così, l’export per l’Italia. Ma in generale i risultati sono deludenti anche in riva all’Adige, perché la siccità ha portato a pezzature inferiori del prodotto e quindi a prezzi minori sul mercato. Per la Golden Delicious, la mela tra le più prodotte nel Veronese, il 50 per cento dei frutti è stato di pezzatura inferiore ai 65 millimetri di diametro, con prezzi crollati a 22-23 centesimi al chilo rispetto ai 35-40 centesimi pagati per frutti di calibro maggiore. Anche per le produzioni sopra i 65 millimetri non è andata bene: la siccità ha portato la ruggine e ha bruciato parte della mela. Un’annata in perdita, quindi, a fronte di costi di produzione sull’ordine dei 52 centesimi al chilo. Un po’ meglio è andata alla Granny Smith, pagata tra i 50 e i 60 centesimi al chilo per i frutti di buona pezzatura. Infine la qualità Gala, mela estiva, è stata pagata anche 60-70 centesimi, ma non ha goduto di grandi consumi”.

Per quanto riguarda le pere, la stagione è stata decisamente negativa, fa sapere sempre l'associazione di categoria. La Conference e Kaiser, a causa della siccità, sono risultate troppo lucide, cioè poco rugginose (la rugginosità per le pere dà valore, al contrario delle mele). Le pere estive hanno subito il caldo, anche se a settembre, con la pioggia, hanno accennato a una lieve ripresa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nella riunione dei maggiori rappresentanti ortofrutticoli d’Europa, che si è svolta in agosto in Spagna, il calo di produzione era preventivato – rimarca Lavagnoli -, e proprio a fronte della scarsa quantità immessa sul mercato ci aspettavamo almeno una buona remunerazione del prodotto. Invece al momento la partita è ancora incerta, soprattutto per le mele. Parte della produzione sarà immagazzinata e non è ancora prevedibile sapere come saranno distribuite le mele e che mercati affronteranno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Forti temporali attesi in Veneto: stato di attenzione anche nel Veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento