Economia

Regione in contatto con Avepa: parte la conta dei danni dopo il maltempo

L'assessore Pan è rimasto in contatto con l'agenzia regionale: «La Regione, insieme ai primi cittadini dei comuni coinvolti e alle associazioni di categoria sta predisponendo un dossier sui danni infrastrutturali e colturali»

Dopo la tempesta, si iniziano a contare i danni. Il maltempo che nel fine settimana si è abbattuto con violenza sulla provincia di Verona e sul resto del Veneto, non ha avuto conseguenze solamente nei centri abitati, con i vigili del fuoco chiamati a numerosi interventi che si sono conclusi solamente nella tarda serata di lunedì, ma ha colpito anche le coltivazioni, già messe a dura prova dai cambiamenti climatici
Dalla Regione Veneto informano che, a tal proposito, l'assessore regionale all’Agricoltura Giuseppe Pan è rimasto in costante contatto con l’agenzia regionale Avepa per il monitoraggio puntuale dei danni subiti dagli agricoltori veneti a causa degli eventi temporaleschi e delle grandinate, che si sono scatenati tra sabato e domenica. 

«Su mia richiesta Avepa ha già attivato i suoi ispettori – dichiara Pan – per effettuare i rilievi in loco, nell’area dei Colli Euganei, dell’Estense e del Monselicense, fino a Solesino e Pozzonovo, nella Marca, dove ad essere particolarmente flagellati da grossi chicchi di grandine sono stati il Montello e Montebelluna, e nel Veronese, attraversato dalle sponde del Garda alla Bassa da una violenta e improvvisa ondata di maltempo, che ha causato pesanti danni in particolare a San Giovanni Lupatoto, Bovolone e Isola della Scala. Anche alcuni territori del Basso Vicentino, in particolare Lonigo, Orgiano e Sossano, hanno subito ingenti danni a causa del maltempo, che ha scoperchiato tetti, abbattuto pali della luce, squassato vigneti e alberi da frutta. Pioggia, vento e grandine si sono abbattuti con particolare intensità solo su fasce circoscritte del territorio regionale, ma hanno causato danni consistenti, soprattutto a vigneti, frutteti e colture estensive come il mais.
La Regione, insieme ai primi cittadini dei comuni coinvolti e alle associazioni di categoria – prosegue Pan – sta predisponendo un dossier sui danni infrastrutturali e colturali causati da grandinate e rovesci di questi giorni di luglio in modo da poter disporre di tutti gli elementi per avanzare richiesta per il riconoscimento dello stato di calamità».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione in contatto con Avepa: parte la conta dei danni dopo il maltempo

VeronaSera è in caricamento