menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le imprese veronesi devono internazionalizzarsi

Le imprese veronesi devono internazionalizzarsi

Le imprese veronesi devono internazionalizzarsi

Il motore di questa evoluzione sono Camera di Commercio, Universit e banche

Si, per affrontare il mercato le imprese hanno bisogno di una struttura che sia proporzionata al mercato che intendono affrontare, questo è certo. Altrettanto certo è che le strutture dimensionali della maggior parte delle imprese veronesi è piccola o medio piccola. Allora come si fa? Il percorso verso l’internazionalizzazione passa da diversi punti, uno di questi è la dotazione di capitale, un altro è l’assistenza degli organismi statali o pubblici, il terzo la ricerca scientifica.

Su questi tre punti a Verona e dintorni non si vede gran ch’è. Non è che manchi questa propensione allo sviluppo e che manchino le strutture, ma che queste, per varie ragioni non si fanno conoscere a dovere. Prendiamo la CCIAA di Verona. Il nuovo presidente, un egregia persona sta cercando di promuovere il territorio e le nostre imprese con incontri che organizzati su di uno stile pre-crisi non producono nuove spinte per l’internazionalizzazione. Parimenti, l’Università, con i ricercatori che si piangono addosso perchè non ci sono soldi, ed è vero, ma cosa hanno prodotto dal punto di vista teorico ( non parliamo di risvolti pratici a cui forse l’Università non è tenuta) tanto da incentivare risorse che pure esistino. Pare piuttosto che producano libri per se stessi e per il proprio replicarsi.

Le banche, infine, alle prese con guai e problemi operativi e culturali, appesantiti da costi che non riescono più a scaricare sui clienti, non riescono a fare il loro mestiere, incalzati da una parte dalle istituzioni che predicano il loro rafforzamento patrimoniale (a parte che qualche giorno fa Draghi ha detto che le banche dovrebbero far banca?!?) e dall’altra forzano al massimo al loro funzione di trasmissione degli impulsi monetari della BCE impedendo così di fare valutazioni del merito creditizio oggettive, ma solo dedicate salvare il salvabile.


Come se ne esce da questa situazione. Ricette, definitive, confezionate di istruzioni per l’uso, non ne esistono, per cui queste tre istituzioni, tanto per cominciare, dovrebbero sedersi ad un tavolo e dialogare in modo permanente, riprendendo ognuno il vero spirito per cui sono nate, ristrutturandosi e non insistendo nel ruolo a cui ultimamente si sono meglio specializzate: essere carrozzoni autoreferenziali, maestri di autopartogenesi. Tutte insieme poi insistere che le altre istituzioni politiche ( esecutivo, legislativo e magistratura) invece che scannarsi a vicenda trovino un modo per aggiornare lo Stato in cui i poveri diavoli di imprenditori devono arrabattersi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento