rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Economia

Imposte accertate, secondi dietro a Treviso

Per numero di controlli siamo dietro solamente a Vicenza

Gli ultimi dati forniti dalla Agenzia delle Entrate riguardano l'incremento degli accertamenti da redditometro nel Veneto.

Nella sola città scaligera, da gennaio a settembre 2009, sono stati eseguiti ben 109 controlli ed è stata accertata una maggiore imposta pari a 1.155.258 euro. Inseriti nel contesto regionale, questi dati fanno rilevare che solamente Vicenza è superiore come numero di controlli, con 111 accertamenti. Mentre per quanto riguarda la maggiore imposta accertata è di Treviso la cifra più alta con 2.637.416 euro, con la nostra provincia sempre al secondo posto.


Ma se guardiamo direttamente al dato regionale le cifre, ovviamente, salgono vertiginosamente. Al 30 di settembre di quest’anno sono stati eseguiti 575 accertamenti a fronte dei 517 accertamenti dell’intero 2008. In questi primi nove mesi è stata accertata una maggiore imposta pari a 7,7 milioni di euro, il 110 % in più rispetto ai 3,7 milioni dell’intero 2008. La manovra d’estate del 2008 ha previsto un potenziamento dell’uso dell’accertamento da redditometro su tutto il territorio nazionale nel triennio 2009-2011. In sintesi, un alto numero di controlli saranno indirizzati in modo particolare verso persone fisiche – non imprese e non necessariamente lavoratori autonomi – che abbiano comportamenti che manifestano una elevata capacità contributiva (ad esempio, acquisto e mantenimento negli anni di immobili, di autovetture di grossa cilindrata, di imbarcazioni, di cavalli, ripetuti viaggi costosi, iscrizione a club esclusivi, frequentazione di case da gioco, acquisto di oggetti preziosi) e presentino una dichiarazione dei redditi di ammontare troppo basso per giustificare acquisto e possesso di tali beni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imposte accertate, secondi dietro a Treviso

VeronaSera è in caricamento