Fusione Agsm-Aim, consulenti chiedono tempo per valutare alternative ad A2A

L'ultima riunione del consiglio di amministrazione della multiutility veronese si è conclusa con un nulla di fatto. I cinque consulenti hanno chiesto un supplemento di indagine per valute le varie manifestazioni di interesse

Sede Agsm

Il consiglio di amministrazione di Agsm Verona si è riunito oggi, 23 giugno, per ascoltare la relazione dei cinque consulenti chiamati a valutare le manifestazioni di interesse non vincolanti pervenute nell'ambito del processo di indagine conoscitiva e competitiva del mercato, lanciata dalla multiutility veronese e da Aim Vicenza.

L'indagine era volta alla ricerca di un terzo partner industriale in grado di rafforzare la futura fusione tra Agsm e Aim. Il partner sarebbe stato individuato in A2A, ma l'offerta del colosso lombardo sarà messa su un piatto della bilancia e confrontata con le proposte che potrebbero arrivare da Hera, Iren, Dolomiti Energia e Alperia.

La riunione di oggi si è per conclusa con un nulla di fatto. Il cda si è riservato di valutare nel corso della seduta del 26 giugno prossimo la richiesta di supplemento di indagine avanzata dai consulenti, i quali hanno chiesto maggiore tempo per analizzare più compiutamente la documentazione ricevuta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

Torna su
VeronaSera è in caricamento