Frodi finanziarie, Verona è seconda in Veneto con 253 casi in un anno

Spesso riguardano furti di identità. Con i dati personali e finanziari altrui, i truffatori hanno ottenuto prestiti per acquistare beni e servizi

(Foto di repertorio)

Verona è la seconda provincia del Veneto per numero di frodi finanziarie, la 37esima a livello nazionale. A riportarlo è l'elaborazione di MisterCredit di Crif. 

L'anno scorso, nel Veronese, si sono contate 253 frodi finanziare. Più delle 228 del Vicentino e delle 216 del Padovano. Al primo posto in Veneto, però, c'è Venezia, 33esima a livello nazionale con 279 frodi finanziarie nel 2019. 
A livello nazionale, il Veneto è all'11esimo posto in questa classifica, con 1.290 cosi conteggiati. Sul podio ci sono Campania, Lombardia e Sicilia.

La maggior parte delle frodi finanziarie in Italia ha riguardato il furto di identità. Con i dati personali e finanziari altrui, i truffatori hanno ottenuto prestiti per acquistare beni e servizi. Circa un terzo delle frodi si concentra sulle carte di credito e circa un decimo sui prestiti personali.
Mediamente l'importo dei finanziamenti delle frodi è di poco superiore ai 4.600 euro, mentre nel 40% dei casi è inferiore ai 3.000 euro. Meno frequenti le frodi con cifre superiore ai 10.000 euro.

Più della metà delle frodi viene scoperta entro sei mesi, ma cresce il numero di frodi commesse anche cinque anni fa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

Torna su
VeronaSera è in caricamento