rotate-mobile
Economia

Fratta Pasini: Autonomia nel gestire le Tesorerie"

Il presidente del consiglio comunale della citt dice la sua sul decreto di liberalizzazione

Il presidente del Consiglio comunale di Verona Pieralfonso Fratta Pasini ha partecipato, mercoledì 15 febbraio, in qualità di Presidente facente funzioni della conferenza dei consigli comunali italiani, al Direttivo che si è svolto a Pisa nella sede del Consiglio provinciale.


Nel corso della riunione è stato affrontato il tema della nuova norma sulla Tesoriera unica.
''Nel decreto “liberalizzazioni” – spiega Fratta Pasini – si obbligano tutti gli Enti locali a trasferire alla Banca d'Italia le proprie disponibilità liquide giacenti presso le rispettive tesorerie. Lo scenario che si prospetta è fortemente penalizzante per gli Enti locali, che non potranno più disporre delle liquidità derivanti dalle proprie entrate, perdendo interessi, facilitazioni a livello di spese per le operazioni bancarie e contributi che, direttamente ed indirettamente, ricadono sul territorio. Per questo, come rappresentanti di tutti i Consigli comunali di Italia – conclude Fratta Pasini – abbiamo elaborato un documento che sarà consegnato al Presidente Anci Graziano Del Rio, per supportarci nelle trattative col Governo affinché venga ripristinato il principio di autonomia nella gestione delle tesorerie degli Enti locali”. Al termine del Direttivo il presidente Fratta Pasini è intervenuto, insieme al sindaco e al presidente della Provincia di Pisa, Marco Filippeschi e Andrea Pieroni, alla presentazione del libro “Le sale consiliari dei Comuni della Provincia di Pisa” di Riccardo Buscemi e Massimo Olivati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fratta Pasini: Autonomia nel gestire le Tesorerie"

VeronaSera è in caricamento