Veronafiere porta le tecnologie agricole italiane al salone del Marocco

L'evento internazionale dell’agricoltura marocchino è in programma fino al 21 aprile a Meknès e per il terzo anno consecutivo Fieragricola è l'organizzatrice del padiglione Italia

Fieragricola (Foto di repertorio)

Veronafiere porta in Marocco l’eccellenza della produzione italiana nel campo delle tecnologie e prodotti per l’agricoltura e l’allevamento. Per il terzo anno, Fieragricola è l'organizzatrice del padiglione "Italia - Fieragricola Morocco" all'interno della più importante manifestazione dedicata al settore primario del Nordafrica: Siam, il salone internazionale dell’agricoltura marocchino, in programma fino al 21 aprile a Meknès.

Per Veronafiere si tratta di un ritorno, dopo la partecipazione alle edizioni 2017 e 2018. L'ultima ha visto la presenza di 1.700 espositori e oltre un milione di visitatori da 70 paesi. Alla guida di una collettiva di imprese italiane nei settori delle tecnologie e prodotti per l’allevamento, macchine e attrezzature, agrofarmaci, fertilizzanti e sementi e energie rinnovabili per l’agricoltura, Fieragricola si propone come strumento b2b per quelle realtà che vogliono entrare nel mercato locale e africano, o consolidare la propria posizione. Al Siam infatti si realizzano il 50% delle vendite annuali di macchine agricole in Marocco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nazione governata dal re Mohammed VI impiega nel comparto primario il 45% della forza lavoro, generando il 19% del Pil. Un ambito quindi strategico per la crescita del paese che ha varato nel 2008 il Piano Verde con l’obiettivo di potenziare entro il 2020 il valore della produzione agricola nazionale da 6,5 a 9 miliardi di euro e l’export agroalimentare fino a 4,5 miliardi, investendo ogni anno un miliardo di euro per l’ammodernamento di tecnologie e macchinari di cui l’Italia è il secondo fornitore, dopo l’Olanda.
In particolare, la domanda di tecnologie agricole in Marocco è per il 56% costituita dalla richiesta di trattori, con una media di 4mila nuovi mezzi acquistati ogni anno che servono per compensare un tasso di meccanizzazione ancora molto basso (15%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento