Economia San Bonifacio / via Ritonda

Il piano di rilancio della Ferroli prosegue: arriva l'ok dalla maggioranza dei fornitori

La rinegoziazione del debito, arrivato in primavera a quasi 300 milioni di euro, proposta dall'azienda termomeccanica di San Bonifacio, ha ricevuto il via libera dalla maggior parte dei creditori

"La presentazione del piano di ristrutturazione del debito della Ferroli, attesa il 6 ottobre scorso, è stata ritardata per attendere le delibere dei Cda di alcune banche creditrici. L'azienda ci ha rassicurato sul fatto che il piano verrà depositato nei prossimi giorni", hanno spiegato Massimiliano Nobis, segretario regionale della Fim Cisl, e Giovanni Acco della Fiom Cgil, come riporta il quotidiano L'Arena, il quale afferma inoltre che il piano di rilancio dell'azienda con sede a San Bonifacio non si arresta, mentre arrivano segnali positivi proprio dai fornitori, che recitano un questo momento un ruolo fondamentale.
La storica impresa del settore termomeccanico, che solo nell'est veronese impega 900 dipendenti, nel corso del tempo era arrivata ad accumulare circa 300 milioni di debiti tra banche e fornitori, che ha portato allo stop della produzione giunto in primavera. Ora, sempre come afferma il quotidiano scaligero, la Ferrorli avrebbe contattato i creditori e proposto loro una rinegoziazione del debito: la maggioranza di questi si sarebbe detta disposta ad accettare le nuove condizioni, un passo indispensabile per raggiungere la convalida del concordato, che potrebbe arrivare dopo 30 giorni dalla presentazione del piano di ristrutturazione dei debito. 
I rappresentanti di Fim Cisl e Fiom Cgil poi concludono: "Nel frattempo, il minipiano prosegue. L'attività è ripartita nei mesi estivi e attualmente circa il 50% dei dipendenti sono tornati al lavoro. Il contratto di solidarietà, però, è in scadenza il 16 novembre: abbiamo quindi chiesto all'azienda di discutere del rinnovo nel corso del prossimo incontro". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il piano di rilancio della Ferroli prosegue: arriva l'ok dalla maggioranza dei fornitori

VeronaSera è in caricamento