Intesa tra Ferroli e dipendenti per l'acconto: stop allo sciopero, si riprende a lavorare

L'azienda sanbonifacese ha sottoscritto il pagamento dell'acconto di 700 euro dello stipendio di aprile concordato con i sindacati

Possono tirare un sospiro di sollievo i dipendenti della Ferroli. L'azienda sanbonifacese ha  sottoscritto il pagamento dell'acconto di 700 euro dello stipendio di aprile concordato con i sindacati. Nel giro di poco tempo quindi, i dipendenti di tutto il gruppo specializzato nella produzione di sistemi di riscaldamento, e non solo quelli di San Bonifacio, potranno vedere il denaro accreditato sul proprio conto corrente. Una scelta questa che rasserena in parte gli animi, piuttosto tesi nelle ultime due settimane. 

"Alla notizia della firma da parte del presidente del gruppo Paola Ferroli, abbiamo deciso di interrompere lo sciopero proclamato nei giorni scorsi - affermano il segretario regionale della Fim Cisl, Massimiliano Nobis, e Giovanni Acco della Fiom Cgil, sulle pagine de L'Arena - Verrà invece mantenuto il presidio davanti ai cancelli dello stabilimento, finché non avremo capito quali saranno le sorti dell'azienda". Ora i sindacati attendono di incontrare la dirigenza dell'azienda per conoscere i prossimi passi a livello societario ma anche organizzativo. I problemi della Ferroli infatti sono di carattere finanziario: il bilancio 2013 dell'azienda aveva evidenziato un debito con le banche di 292 milioni di euro, con la conseguente "chiusura dei rubinetti" da parte di queste. Ciò ha portato al blocco dell'attività produttiva, vista l'impossibilità di accedere alle materie prime, nonostante gli ordini ricevuti. 
Il gruppo veronese quindi, per cercare di uscire da quest'impasse, avrebbe deciso di presentare domanda di concordato preventivo in continuità, così da salvaguardare l'azienda e accedere al 182 bis, un accordo privatistico per la ristrutturazione del debito. Così facendo, le banche tornebbero a finanziare la Ferroli per almeno due mesi e ripartirebbe quindi l'attività lavorativa, oltre che a creare le condizioni per l'arrivo di un eventuale investitore. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parte della stampa nelle scorse settimane, aveva lanciato l'indiscrezione che Mediobanca, impegnata nella ricerca di nuovi investitori, aveva affidato un'esclusiva alla management company Oxy Capital. Ma dai piani alti di San Bonifacio nessuna voce è ancora giunta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

Torna su
VeronaSera è in caricamento