Economia Centro storico / Via Giuseppe Mazzini

Excelsior chiude ma non Tiffany: "Verona rimane un punto di riferimento"

La chiusura della boutique del lusso ha coinvolto anche il ristorante Eat's ma non la famosa catena di negozi di gioielli: "In questi 2 anni abbiamo creato un rapporto di affezione sempre più stretto con la clientela della città e di tutto il Nord Est"

Era stata annunciata nei giorni scorsi la chiusura del punto vendita Excelsior di via Mazzini al termine dei saldi invernali: insieme alla boutique del lusso abbasserà la saracinesca anche il ristorante Eat's, con 27 dipendenti in tutto (16 del reparto moda e 9 del raprto ristorazione) messi in mobilità. 
Chi invece resterà ancora a disposizione dei facoltosi clienti è la catena Tiffany, che annuncia l'intenzione di proseguire nella propria attività nel capoluogo scaligero: 

Tiffany & Co. annuncia che la boutique di Verona inaugurata nel maggio del 2013 continuerà ad illuminare il centro storico della città con le proprie esclusive collezioni di gioielli, riservando a cittadini e turisti l’usuale attento ed accurato servizio che da sempre contraddistingue il marchio.
La boutique della città scaligera rimane quindi aperta al pubblico anche in seguito alla chiusura di ‘Excelsior Milano’, garantendo continuità sia ai dipendenti che agli affezionati del brand.

"In questi due anni la nostra presenza a Verona ci ha consentito di creare un rapporto di affezione sempre più stretto con la clientela della città e di tutto il Nord Est. Per questo motivo la boutique di Verona rimane per noi un imprescindibile punto di riferimento: tra i nostri clienti ci sono infatti veri e propri appassionati sia delle collezioni in platino e diamanti che di quelle più fashion in oro e in argento", ha detto Raffaella Banchero, Managing Director di Tiffany & Co. Italia.
Gli amanti del lusso quindi possono tirare un sospiro di sollievo. 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Excelsior chiude ma non Tiffany: "Verona rimane un punto di riferimento"

VeronaSera è in caricamento