Martedì, 28 Settembre 2021
Economia Zimella / Via Lavagno

Settore lapideo in crisi, ma evitati gli esuberi alla Stone Italiana di Zimella

Per i lavoratori scatterà la cassa integrazione per un anno. Apindustria Verona lancia però l'allarme per tutto il settore. "È necessario un distretto del marmo scaligero"

Dopo un avvio promettente nei primi due mesi dell'anno, registra un andamento poco entusiasmante il settore della lavorazione del prodotto lapideo: comparto di primo livello per Verona che, a settembre, ospiterà una nuova edizione di Marmomacc.

Il rallentamento più significativo, pure sul fronte occupazionale, si è riscontrato nei mesi di maggio e giugno - segnala Mario Borin, responsabile dell'ufficio sindacale di Apindustria Confimi Verona - Per il comparto dell'agglomerato, che nel veronese conta aziende leader a livello mondiale, e per le lavorazioni a base di cemento e resina il trend è moderatamente positivo, grazie anche agli investimenti compiuti.

Sono le cosiddette pietre naturali a soffrire per la pesante contrazione. "Se il marmo ha visto una diminuzione del 10%, il granito viaggia a livelli bassi, seppur stabili - prosegue Borin - Per entrambi i comparti i risultati del 2015/2016 sono lontani. Dati confermati dal terminale ferroviario di Domegliara con un calo medio dell'8% di transiti tra marmo e granito a fine giugno. Tante aziende devono ringraziare la caparbietà dei loro titolari, che insistono nel portare avanti l'attività. La marginalità, legittima per chi lavora, è sempre minore: in qualche caso è ben sotto il 5% sul prezzo del prodotto immesso sul mercato. Una situazione del genere evidenzia da una parte l'impossibilità di recuperare gli alti costi di produzione. Dall’altra parte, sono in particolare piccole aziende e terzisti a non riuscire proporsi sul mercato da soli senza aiuti strutturali".

Le cause sono molteplici e non nuove. "La coda lunga della crisi nelle costruzioni - evidenzia Mario Borin - I mercati esteri monopolizzati da concorrenti che, paradossalmente, sfruttano l'elevata tecnologia di macchinari italiani per la lavorazione del marmo". A ciò si aggiungono competitor stranieri agguerriti. Altre problematiche sono correlate al recupero di materia prima per nodi politici, per esempio l'embargo con l'Iran, che obbligano a strane triangolazioni dove a essere penalizzato è il sistema produttivo ed economico italiano. Infine c’è la concorrenza qualitativa di altri prodotti, come le ceramiche, che tecnologicamente e con sistemi a rete territoriali e investimenti pubblicitari stanno occupando spazi una volta riferiti alla pietra viva.

Le aziende più strutturate e grandi hanno capacità diverse, ma è l'intero comparto a dover essere aiutato - concluede il responsabile di Apindustria - Da qui l'importanza di creare realmente un distretto del marmo scaligero: la nascita di Verona Stone District è dunque la scommessa vincente per guardare positivamente al futuro e dovrà essere la carta d'identità del settore lapideo.

Mario Borin ha parlato di rallentamento significativo anche sul fronte occupazionale. Nel veronese tremavano i lavoratori della Stone Italiana di Zimella a rischio esubero. Esuberi che fortunatamente non ci saranno. Si procederà con la cassa integrazione per dodici mesi. L'importante risultato è stato raggiunto in un incontro al ministero del lavoro, al quale hanno partecipato i sindacati nazionali e territoriali di Filca-Cisl e Fillea-Cgil. "Si tratta di un risultato importante per il quale abbiamo lottato con impegno e pervicacia - hanno dichiarato dai sindacati - e che ci consente di evitare il dimezzamento della forza lavoro impiegata, che conta in totale 123 dipendenti. Riteniamo inoltre positivo aver ottenuto una integrazione al reddito a carico dell'azienda per i lavoratori in cassa integrazione, e che attraverso un incontro mensile con le Rsu e con i sindacati sarà possibile monitorare la cassa integrazione e verificarne i criteri di applicazione. Siamo certi che l'azienda utilizzerà questo anno per rilanciare la sua attività, grazie anche alla partecipazione dei lavoratori".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Settore lapideo in crisi, ma evitati gli esuberi alla Stone Italiana di Zimella

VeronaSera è in caricamento