menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine generica

Immagine generica

Covid-19 e imprese venete, ristori per 16 milioni alle categorie colpite dalle restrizioni

«In virtù dell’accordo con Unioncamere, presto saranno aperti dei bandi specifici per aiutare tutte quelle categorie che, attualmente, si trovano con attività pressoché azzerate a causa della seconda ondata della pandemia e delle conseguenti misure restrittive»

La giunta regionale ha approvato martedì lo Schema di Convenzione tra Regione e Unioncamere per realizzare un intervento di ristoro destinato alle imprese venete che sono state colpite dalle restrizioni imposte per il contenimento del contagio da Covid- 19.

«Questo è un provvedimento molto importante che ci vede impegnati a sostegno delle imprese venete oggi maggiormente sofferenti – commenta Roberto Marcato, assessore allo sviluppo economico promotore della delibera –. In virtù dell’accordo con Unioncamere, che ringrazio per la collaborazione, presto, con l’inizio del nuovo anno, saranno aperti dei bandi specifici per aiutare tutte quelle categorie che, attualmente, si trovano con attività pressoché azzerate a causa della seconda ondata della pandemia e delle conseguenti misure restrittive.
Ringrazio il collega di giunta Francesco Calzavara che, attraverso una variazione di bilancio, ha permesso concretamente e in tempi rapidi di arrivare al provvedimento – precisa ancora Marcato, – vogliamo intervenire subito, in particolare in certi settori, cercando di salvare molti imprenditori che, oggi, a causa del protrarsi dell’emergenza sanitaria, si trovano in condizioni davvero critiche, per non dire spesso disperate. Ci siamo impegnati per fare in modo che anche loro possano arrivare a Natale con un po’ di luce e di fiducia verso il futuro».

La misura sarà attivata con uno o più bandi dedicati alle imprese, iscritte al registro delle imprese e aventi una sede operativa attiva in Veneto alla data della domanda di ristoro, e operanti nelle filiere di seguito specificate e nei settori individuati da specifici codici Ateco:

  • filiera eventi (congressi, matrimoni, cerimonie, etc.);
  • ambulanti con posteggi in aree di eventi, stadi (cosiddetti fieristi);
  • filiera trasporti persone;
  • filiera sport, intrattenimento, parchi divertimento e tematici (incluse le attività dello spettacolo viaggiante);
  • filiera attività culturali e spettacolo;
  • commercio al dettaglio di abbigliamento, calzature, libri e articoli di cartoleria ed esercizi all’interno di centri o parchi commerciali la cui attività è stata sospesa per effetto del DPCM 24 ottobre 2020 e successivi o delle successive ordinanze del Presidente della Giunta regionale del Veneto.

Il bando disporrà di una dotazione finanziaria pari a 16.865.921,05 euro, dei quali 15.865.921,05 euro messi a disposizione dalla Regione nel corrente esercizio e di 1.000.000 euro da Unioncamere nell’esercizio 2021.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Veneto in area "rosso scuro" per l'Europa. Zaia: «Dati fuorvianti»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento