Contributo per l'affitto alle famiglie colpite dalla crisi Covid-19: riaperti i termini per le domande

Chi non ha presentato domanda FSA-covid la scorsa estate convinto di non rientrare nei parametri richiesti può farlo ora grazie al rifinanziamento della misura e alla ridefinizione dei parametri richiesti

Ha preso il via venerdì 4 dicembre la seconda fase del procedimento Fondo Sostegno Affitti (FSA-covid2), la misura per il sostegno al pagamento dell’affitto per la casa di residenza dedicato alle famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza coronavirus e che hanno subito tra marzo e maggio 2020 una diminuzione delle entrate almeno del 30%. Chi non ha presentato domanda FSA-covid la scorsa estate convinto di non rientrare nei parametri richiesti può farlo ora grazie al rifinanziamento della misura e alla ridefinizione dei parametri richiesti. Il contributo può arrivare fino a 600 euro nel caso famiglie che hanno subito una diminuzione di entrate superiore al 50 %.

La seconda fase prevede due interventi:

  1. l’aumento del contributo per i richiedenti FSA-covid. Per le 6021 domande risultate idonee durante la prima fase sulle 18.876 presentate, ovvero per le famiglie che hanno avuto una riduzione delle entrate superiori al 50%, il contributo viene portato da 400 a 600 euro. Ampliamento della platea dei beneficiari con scorrimento della graduatoria includendo chi ha subito riduzioni delle entrate tra il 30 e il 50%.
  2. Riapertura dei termini del procedimento per permettere di partecipare al bando anche a chi non aveva presentato domanda consapevole di superare le soglie richieste.

Le nuove domande – che verranno istruite dalla Unità Organizzativa Edilizia della Regione Veneto - vanno presentate fino al 14 dicembre on-line (https://veneto.welfaregov.it/landing_pages/fsa_covid/index.html) allegando un documento di identità. I requisiti per accedere al contributo sono stati fissati con delibera della Giunta Regionale dello scorso 8 settembre nella passata legislatura su proposta dell’assessore Manuela Lanzarin, in particolare è necessario presentare una DSU ai fini Isee, o possedere un’attestazione ISEE ordinario in corso di validità non superiore a 35 mila euro. Il contributo sarà erogato direttamente sul conto corrente indicato dal beneficiario.

«L’aumento del contributo per le famiglie che hanno subito perdite importanti a causa dell’emergenza sanitaria – interviene l’assessore regionale all’Edilizia Residenziale Pubblica Cristiano Corazzari - e la riapertura dei termini del procedimento per consentire a nuove famiglie di partecipare sono un segnale importante di vicinanza in questo momento difficile dove c’è chi si è trovato dall’oggi al domani senza un’occupazione o con entrate di molto diminuite».

Il rifinanziamento è stato possibile grazie all’incremento della dotazione del Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione: al Veneto sono arrivati ulteriori 10.129.699,22 euro che sono andati a incrementare le risorse già stanziate dalla Regione del Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Covid-19, un grafico divide l'Italia in province: Verona indicata come "zona rossa"

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

Torna su
VeronaSera è in caricamento