Cattolica Assicurazioni, agguerriti i contrari all'accordo con Generali

Continuano ad incontrare le autorità locali e politiche per confessare i loro timori. Ma si fanno sentire anche i soci del gruppo assicurativo veronese favorevoli all'intesa coi triestini

Sede di Cattolica Assicurazioni (Fermo immagine video Youtube)

Se ne discuterà anche oggi, 23 luglio, nel consiglio comunale di Verona dove è stata presentata una mozione per la salvaguardia dei posti di lavoro. Ma del futuro di Cattolica Assicurazioni se ne parla un po' ovunque, anche perché ormai manca una settimana all'assemblea dei soci del gruppo assicurativo veronese. Un'assemblea che potrebbe segnare un cambiamento storico perché verranno messi ai voti la trasformazione di Cattolica in società per azioni e l'aumento di capitale. Ed in caso di voto favorevole verrebbe aperta la porta ad un accordo tra Cattolica e Generali

Il possibile cambiamento, però, non trova tutti d'accordo. E da settimane si susseguono incontri tra le autorità locali ed i rappresentanti dei due fronti contrapposti. I contrari si sono riuniti in un unico gruppo chiamato Casa Cattolica, il quale ha tentato di impugnare anche la delibera dell'assemblea di Cattolica del 27 giugno scorso che delega al consiglio di amministrazione l'aumento di capitale con esclusione del diritto di opzione. I ricorrenti ritengono che non sia stata fatta adeguata informativa ai soci e la loro speranza è quella di poter ottenere una sospensiva dell'efficacia della delibera in modo da consentire le verifiche di legittimità prima che ne venga data esecuzione con l'assemblea dei soci del prossimo 31 luglio.
Nel frattempo i coordinatori di Casa Cattolica continuano i loro incontri sul territorio. Una delegazione ha incontrato il prefetto Donato Cafagna ed anche a lui sono stati confessati i timori di quelle che viene vista come una «svendita» di Cattolica a Generali. E le stesse preoccupazioni erano state già manifestati ai rappresentanti di Regione Veneto, Comune e Provincia di Verona.

Delegazione CASA CATTOLICA dal PREFETTO-2
(Delegazione di Casa Cattolica in prefettura a Verona)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma si fanno sentire anche coloro che sono favorevoli all'ingresso di Generali nella compagine azionaria di Cattolica. Luigi Frascino in rappresentanza di Credit Network & Finance e Giuseppe Lovati Cottini, soci di minoranza di Cattolica Assicurazioni, hanno avuto modo di incontrare i vertici del gruppo Generali e si è rafforzata in loro l'idea che le prospettive dell'accordo tra Cattolica e Generali tutelano i principi fondativi e l'indipendenza di Cattolica Assicurazioni e rappresentano anche un'opportunità per la valorizzazione di entrambe le compagnie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento