Cattolica e Generali, anche i sindacati chiedono «chiarezza e garanzie»

La Fisac Cgil di Verona teme che la trasformazione in società per azioni possa pregiudicare i livelli occupazionali e gli aspetti professionali delle lavoratrici e dei lavoratori

Sede di Cattolica Assicurazioni

Settimana decisiva per il futuro della veronese Cattolica Assicurazioni. Venerdì, 31 luglio, si terrà un'assemblea dei soci che potrebbe essere storica per l'azienda. Storico, infatti, sarebbe il cambiamento su cui i soci dovranno dare il loro parere. In caso di voto positivo, Cattolica Assicurazioni non sarebbe più una società cooperativa ma diventerebbe una società per azioni. E altrettanto storica sarebbe la diretta conseguenza di questa modifica: l'ingresso della triestina Generali nell'azionariato di Cattolica. Una iniezione di centinaia di milioni di euro che porterebbe nelle mani di Generali quasi un quarto di Cattolica.

L'esito dell'operazione, però, non è certo. Un gruppo di soci, riunito sotto il nome di Casa Cattolica, è in contrasto con la decisione presa dai vertici della società e si è attivato per creare un clima sfavorevole attorno all'affare. Casa Cattolica è arrivata anche ad impugnare l'aumento di capitale deciso dall'assemblea dei soci il 27 giugno scorso. Un'istanza che sarà presa in considerazione dal tribunale delle imprese di Venezia il prossimo 17 agosto. E quindi dopo l'assemblea di venerdì.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma l'operazione preoccupa anche i lavoratori. Il sindacato Fisac Cgil di Verona ritiene «siano necessarie chiarezza e garanzie sulla natura e sulle prospettive dell'operazione - si legge in una nota ufficiale - La trasformazione in società per azioni, indispensabile nel caso non si riesca ad effettuare l’aumento di capitale per altre vie, non dovrà in alcun modo determinare pregiudizio per i livelli occupazionali e gli aspetti professionali delle lavoratrici e dei lavoratori di Cattolica, né ora né in futuro. Cattolica vanta una storica e radicata presenza sul territorio scaligero che deve essere mantenuta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento