Cattolica, l'autorità di vigilanza ha approvato le modifiche allo statuto

Via libera, dunque, alla trasformazione in società per azioni a partire dal prossimo 1 aprile. I contrari, riuniti nella rete denominata Casa Cattolica, continuano le loro azioni di disturbo

Sede di Cattolica Assicurazioni

Cattolica Assicurazioni ha comunicato che l'autorità di vigilanza Ivass ha approvato le modifiche statutarie deliberate dall'assemblea dei soci della società veronese. «Ivass ha altresì approvato il testo di statuto della società per azioni, che entrerà in vigore dall'1 aprile 2021», ha aggiunto Cattolica, che dalla propria assemblea dei soci aveva appunto avuto il via libera alla trasformazione dell'azienda da cooperativa a società per azioni (S.p.A.).
L'approvazione di Ivass ha permesso a Cattolica di avviare le procedure per l'iscrizione dello statuto e della delibera di trasformazione in S.p.A. nei competenti uffici del registro delle imprese di Verona. Con l'iscrizione, Cattolica pubblicherà le modalità di esercizio del diritto di recesso correlato alla trasformazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto procede dunque secondo i piani dei vertici dell'azienda, che punta a realizzare un'operazione già concordata con un altro gruppo assicurativo italiano, la triestrina Generali. I contrari a questa operazione, però, continueranno ad ostacolarla, coordinandosi nella rete ribattezzata Casa Cattolica. Le azioni promosse da Casa Cattolica sono: un esposto alla Consob, in cui viene evidenziato che gli effetti derivanti dall'esecuzione dell'aumento di capitale riservato a Generali sono paragonabili a quelli di un'offerta pubblica di acquisto (opa) e in cui si inviata l'ente di tutela dei risparmiatori ad assumere tutti i provvedimenti per la salvaguardia dei soci e del mercato; e una diffida rivolta al cda di Cattolica per non favorire la sottoscrizione dell'aumento di capitale da parte di Generali fintantoché la compagnia veronese sarà società cooperativa, rispettando un articolo del codice civile che vieta che divengano soci della cooperativa soggetti concorrenti che rischiano di comprometterne il valore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Tamponi a studenti e personale scolastico: ecco l'app per le prenotazioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento