Casartigiani Verona: «Ok ai controlli, ma le imprese chiuderanno se non lavorano»

Il presidente Luca Luppi commenta l'entrata in vigore dell'ultimo DPCM: «Limitare la possibilità di lavorare dopo le 18 potrebbe costringere molte aziende, che lavorano nei centri città, ad abbassare la serranda per sempre»

Luca Luppi, presidente di Casartigiani Verona

«L’emergenza sanitaria non si risolve a fasce orarie e tantomeno limitando la capacità degli imprenditori di fare impresa – ribadisce Luca Luppi presidente di Casartigiani Verona – ma concertando insieme a loro la possibilità di trovare soluzioni alternative capaci, pur garantendo il distanziamento e il rispetto delle regole giustamente imposte, di continuare a lavorare in sicurezza.
Limitare la possibilità di lavorare dopo le 18 potrebbe costringere molte aziende, che lavorano nei centri città, ad abbassare la serranda per sempre. Un rischio che non possiamo permetterci di correre visto tutto quello che già è stato chiesto loro di fare in termini economici per adattarsi alle misure su distanziamento e igienizzazione».

Le aziende, che nel centro del capoluogo e nei grandi Comuni della provincia già sono sottoposte a alle misure anti Covid e ad operare in un clima di grande incertezza, secondo Casartigiani Verona si troveranno con questi nuovi vincoli orari a non poter sopravvivere in attesa di ristori che, per quanto lauti, non potranno mai compensare quanto stanno perdendo.

«Casartigiani Verona – afferma il presidente Luppi – si esprime favorevolmente a tutte quelle misure che possano prevedere maggiori controlli e mascherine anche in luoghi aperti, tuttavia sottolinea che il vincolo della chiusura d’impresa è insostenibile in un corretto contesto sociale ed economico in cui, tra l’altro, ci viene richiesto poi il pagamento di tasse che non saremo in grado di sostenere a fronte di incassi non pervenuti.
Sono già tante le imprese che hanno chiuso o che sono in procinto di cessare l’attività e per questo serve una particolare attenzione per favorire ogni azione che aiuti l’espansione dell’economia. Ma fino ad oggi abbiamo solo potuto costatare la perdita di centinaia di posti di lavoro anche se ciò non viene percepito».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento