rotate-mobile
Economia

Carenza di personale, Veneto Imprese Unite propone riforma di cassa integrazione e reddito di cittadinanza

Il presidente di Viu Andrea Penzo Aiello: «Bisogna favorire le nuove assunzioni. Per farlo si deve ridurre il cuneo fiscale così da arginare il fenomeno del lavoro nero»

In un periodo storico economicamente e socialmente difficile come quello attuale, soprattutto per quanto riguarda le aziende del commercio e del turismo, la ripartenza è spesso frenata dalla mancanza di personale. Durante questi due ultimi anni caratterizzati dalla pandemia si è difatti visto un radicale stravolgimento delle regole non scritte del mondo del lavoro e molti settori si sono visti costretti ad organizzare la propria routine alla stregua dei lavori stagionali. Altri, invece, hanno visto ridurre al minimo la possibilità di pianificare il futuro d’impresa in base ai flussi di lavoro.

«Fare impresa in un Paese in cui un lavoratore costa all’azienda quasi tre volte il netto percepito ha inevitabilmente diverse ricadute negative, tra cui: non garantire stipendi equi ai lavoratori; non mettere l’imprenditore in condizione di circondarsi della forza lavoro realmente necessaria e favorire il lavoro nero sistemico - ha affermato Andrea Penzo Aiello, presidente di Veneto Imprese Unite, associazione per le piccole e medie imprese del terziario - Per arginare la crisi lavorativa che stiamo affrontando, principalmente nei giovani, bisogna quindi riflettere sull’utilità di un eccezionale abbattimento del costo del lavoro. Per farlo si potrebbe pensare ad un’importante riduzione del cuneo fiscale».

Veneto Imprese Unite (Viu) che ha varato un importante progetto di intervento economico a livello governativo, trovando il sostegno di diverse forze politiche. Negli ultimi mesi, Viu ha avuto costanti e proficui colloqui trasversali con esponenti dei principali partiti al Governo, tra cui Luca De Carlo (Fratelli d’Italia) ed Andrea Ferrazzi (Partito Democratico), oltre ai deputati Angela Colmellere (Lega) e Raffele Baratto (Coraggio Italia), per cercare di portare le proprie istanze a Roma.
L'obiettivo di Viu, ai tavoli governativi che trattano di politiche economiche, è quello di illustrare i problemi che stanno ormai da tempo vessando commercianti ed imprenditori, presentando al contempo anche possibili soluzioni per cercare di arginare l’attuale crisi economica che colpisce le imprese. Per farlo, l'associazione ha anche messo a disposizione le proprie strutture al fine di redigere proposte ed emendamenti che possano poi essere in seguito inseriti nei futuri provvedimenti di Governo.

«Non si può negare il fatto che il motivo per il quale non si trovano più persone disposte a lavorare nei bar e nei ristoranti durante i mesi estivi, così come per tanti altri ruoli e settori, è il reddito di cittadinanza che ormai troppo spesso dà al potenziale lavoratore un'alternativa di guadagno meno faticosa - ha sottolineato Penzo Aiello - Al contempo, però, trova del vero anche la polemica nei confronti di tutte quelle aziende che approfittano di stage a retribuzione minima, scoraggiando così chi cerca attivamente un lavoro. Per ovviare a questo problema, i fondi per il reddito di cittadinanza andrebbero immediatamente dirottati sulle aziende per far sì che prendano in carico nuove persone da formare ed inserire in organico. Tali fondi, sommati al salario minimo già previsto per uno stage (450 euro), garantirebbero al singolo lavoratore un compenso onesto (circa 1.300 euro) tanto da permettere alle aziende di non dover sborsare cifre altrimenti difficilmente concedibili. Lavoratore per il quale già dovranno comunque investire in formazione, stimolando così al lavoro quei soggetti che più si aggrappano ai sussidi statali».
Il periodo di stage, in costanza di beneficio del reddito di cittadinanza, per Veneto Imprese Unite potrebbe quindi essere previsto per una durata limitata di 6 mesi (come uno stage ordinario), al termine del quale l’azienda sarebbe vincolata, salvo interruzioni per comprovata giusta causa, all’assunzione del dipendente precedentemente formato. Qualora quest’ultima fosse persino a tempo indeterminato, si potrebbero poi garantire degli sgravi sui contributi del lavoratore in questione. «Con questo provvedimento sarebbe più facile tornare a convogliare i ragazzi nella filiera dell’ospitalità e del commercio, andando a ridurre in tal modo anche un grave problema sociale come quello della disoccupazione giovanile», ha concluso il presidente di Viu.

Per poter mantenere in forza il personale assunto, diverrebbe però necessario un ulteriore intervento, ovvero quello di prevedere una riforma della normativa sulla cassa integrazione in deroga per renderla uno strumento ordinario. «Garantire a tutte le aziende un accesso snello alla cassa integrazione, senza burocrazia ed accordi sindacali difficili da realizzare per le aziende più piccole, aiuterebbe gli imprenditori a tenere in organico tutto il personale formato ed essenziale per la quotidianità, tutelando di contro il lavoratore in momenti di calo di lavoro - ha aggiunto Penzo Aiello - Sarebbe perciò interessante prevedere un nome alternativo per questo nuovo strumento. Inoltre, questo eventuale strumento vedrebbe da una parte la facilità di utilizzo di un impianto già rodato durante i due anni di pandemia, dall’altra quella di essere in gran parte autoalimentato dai versamenti Inps che l’azienda già paga regolarmente, senza quindi necessità di un vero e proprio esborso diretto da parte del Governo».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza di personale, Veneto Imprese Unite propone riforma di cassa integrazione e reddito di cittadinanza

VeronaSera è in caricamento