menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La sede di Agec a Verona

La sede di Agec a Verona

Agec, approvato il bilancio: le perdite superano i 6,2 milioni di euro

Il Comune: "Gestione comunque virtuosa. Buco dovuto all’acquisto delle farmacie comunali. Strategia per creare un percorso virtuoso e consentire all'azienda speciale di operare con una maggiore patrimonialità"

Agec tenta di risollevarsi dopo la bufera scoppiata ai vertici dirigenziali nelle settimane scorse. Ieri sera è stato infatti approvato, con voti 21 favorevoli, 5 contrari e 3 astenuti il bilancio consuntivo 2012 dell’azienda speciale del Comune. “Il bilancio – spiega l’assessore alle Aziende partecipate, Enrico Toffali – evidenzia una perdita d’esercizio di sei milioni 228mila e 250 euro, peraltro prevista, dovuta all’acquisto da parte di Agec delle Farmacie comunali. Un’operazione strategica, insieme ad altre compiute dall’amministrazione comunale, per creare un percorso virtuoso e consentire ad Agec di operare con una maggiore patrimonialità, mettendo nelle condizioni il Comune di avere finanza necessaria per dare servizi sul territorio. Grazie alla buona gestione di Agec, la perdita è stata minore delle previsioni”.

LA FINANZA ALL'AGEC: SEQUESTRATI DOCUMENTI SULLA GESTIONE

Il provvedimento approvato accoglie la proposta dell’Azienda di coprire la perdita d’esercizio con l’utilizzo del capitale di dotazione per la quota parte relativa al valore della capitalizzazione e di mantenere il vincolo sulla “riserva da conferimento” di 5 milioni 534mila e 649 euro finalizzato a tutelare l’integrità patrimoniale connessa al valore della partecipazione in Agec-Onoranze funebri Spa. Per il capogruppo Pd Michele Bertucco “In questi anni Agec non è riuscita a rispondere alle esigenze dei cittadini veronesi e a trovare soluzioni per la città, pensando solo alla speculazione edilizia. Mi auguro che in futuro le vicende relative all’azienda possano essere più trasparenti”. Per il consigliere della "Civica per Verona", Gaetano Nicoli “rispetto al piano industriale il risultato ottenuto nel 2012 è positivo perché ha ridotto le perdite nette previste”.

IL TAR: MICHELE CROCE VA REINTEGRATO ALLA PRESIDENZA

REAZIONI - “Agec – interviene il capogruppo Sel, Mauro De Robertis - deve avere la forza di vendere gli immobili ai propri inquilini per trovare il volano di attività costruttive per l’azienda. Sarebbe più opportuno che gli utili prodotti dai servizi cimiteriali fossero investiti negli stessi servizi, al fine di abbassarne il costo, anziché servire a pagare il mutuo per l’acquisto delle farmacie”. “In Agec sono confluiti una serie di servizi e mansioni infiniti – ha detto il capogruppo Movimento Cinque Stelle, Gianni Benciolini – a discapito dei cittadini”.

“Agec ha un importante ruolo sociale ed è chiamata a dare risposte alle persone in difficoltà – ha detto il consigliere di Verona civica Vittorio Di Dio – e per questo va sostenuta, anche in considerazione di una gestione positiva”. Dopo l’illustrazione da parte dell’assessore ai Tributi Pierluigi Paloschi della delibera relativa all’approvazione del Regolamento comunale per l'istituzione e la disciplina del Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (Tares) in vigore dal primo gebbaio 2013 e individuazione del gestore del tributo, nella versione emendata dalla competente commissione, la seduta del Consiglio comunale si è chiusa alle 20e30, rinviando alla prossima seduta il relativo dibattito.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento