rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Economia

Banca di Verona, risorse in crescita del 4,66 per cento

Approvato il bilancio 2010. Trend positivo sia per liquidit, sia per stabilit

Una banca solida, liquida e patrimonializzata. Questo il profilo di Banca di Verona credito cooperativo cadidavid che emerge dal pre-consuntivo del bilancio 2010, approvato dal Consiglio di amministrazione dell'istituto scaligero che conta 3246 soci, 15 sportelli e un patrimonio netto di 59,8 milioni di euro.

“L'istituto ha mantenuto fede al patto con il territorio – afferma il presidente di Banca di Verona Giovanni Bertagnoli – perseguendo la propria missione di sostegno e proseguendo sulla strada del consolidamento e del rafforzamento patrimoniale. In questi ultimi anni, di fronte ad una congiuntura difficile, la nostra scelta è stata di curare attentamente la gestione e di intensificare la politica di accantonamento per garantire al nostro territorio uno strumento di sviluppo efficace, che possa davvero fare da volano per la ripresa”.

Nel 2010, la massa intermediata di Banca di Verona ha superato il miliardo euro. La raccolta totale nel 2010 si è attestata sui 701 milioni di euro in crescita del 4,66% rispetto al precedente esercizio. L'indiretta è stata pari al 36,6%: 257 milioni. Gli impieghi sono rimasti stabili sui 333 milioni dell'esercizio 2009, più 25 milioni sono erogati come finanziamenti in pool e leasing con Banca Agrileasing, la banca corporate del movimento del credito cooperativo italiano.

L'istituto ha erogato anche 237mila euro a famiglie e persone in difficoltà ad interessi agevolati. “Collaboriamo da anni – ha aginto Bertagnoli – con la Fondazione Beato Tovini, l' Associazione Carità San Zeno e Mag. Il principio ispiratore dell'agire del credito cooperativo è la promozione dello sviluppo socio-economico, ma non ci può essere crescita, se non si contribuisce ad alleviare il livello di disagio e tensione delle famiglie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banca di Verona, risorse in crescita del 4,66 per cento

VeronaSera è in caricamento