Economia via Ritonda

L'azienda Ferroli torna a produrre dopo la crisi: a luglio previste 35mila caldaie

I 900 dipendenti dell'azienda di San Bonifacio torneranno progressivamente al lavoro. I sindacati hanno incontrato i vertici per un aggiornamento sulla situazione

Il 30 giugno i rappresentanti sindacali dei lavoratori della Ferroli di San Bonifacio hanno incontrato la direzione per essere aggiornati sulla situazione dell'azienda a seguito dell'iniezione di liquidità avvenuta la settimana scorsa. A luglio, dunque, dovrebbero andare in produzione 35 mila caldaie e i 900 dipendenti dovrebbero tornare pian piano al loro loro posto. Una buona notizia dopo un lungo periodo nero, tra cui gravi problemi con la somministrazione degli stipendi.

Il quotidiano L'Arena ha riportato le dichiarazioni dei sindacalisti presenti alla riunione, Luca Mori, segretario Fim Cisl, e Giovanni Acco, Fiom Cigl, che dichiarano. "Ci è stato comunicato che il piano di ripartenza della produzione è confermato. Ad oggi è rientrato al lavoro circa il 55% degli addetti. Ci è stato confermato, dai commissari Luigi Castelletti e Gianfranco Perazzin che il 24 giugno sono stati erogati 12,5 milioni per la ripartenza. La seconda tranche di 10 milioni sarà il versata entro il 20 luglio". La terza sarà invece erogata entro metà settembre.

"Finalmente la produzione è ripartita: i 900 lavoratori stanno rientrano al lavoro e gli ordini sono in lavorazione. Al tavolo è stato chiesto un incontro con la proprietà per sapere quale piano industriale sosterrà l'azione di investimento del fondo americano Oxy Capital, che da mesi ha avviato la trattativa con l'azienda". Così hanno continuato i due sindacalisti contenti per la ripresa dell'attività produttiva. Nel frattempo, il management dell'azienda sta preparando il piano di ristrutturazione del debito, secondo quanto previsto dalla legge 182 bis. Si mira a presentare il piano entro il 31 luglio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'azienda Ferroli torna a produrre dopo la crisi: a luglio previste 35mila caldaie

VeronaSera è in caricamento