Giovedì, 21 Ottobre 2021
Economia Villafranca di Verona / Strada Statale 62

Aumento di capitale dell'aeroporto Catullo, Sboarina: «Rilancio a lungo termine»

L'assemblea straordinaria ha deliberato un aumento di capital di 35 milioni di euro. Enrico Marchi, presidente del socio privato Save: «Si può dare finalmente avvio alle opere di potenziamento e ampliamento»

Venerdì scorso, 28 maggio, si è tenuta l'assemblea straordinaria dei soci dell'aeroporto Catullo di Verona per deliberare l'aumento di capitale finalizzato al rafforzamento patrimoniale della società. L'aumento del capitale sociale sarà di 35 milioni di euro e avverrà attraverso l'emissione di 1.545.740 azioni ordinarie, del valore nominale di 22 euro ciascuna a un prezzo di emissione unitario pari a 22,70 euro.

I soci avranno tempo fino al 31 luglio per eseguire l'aumento di capitale e tra questi soci c'è anche il Comune di Verona attraverso Aerogest, la società che unisce i quattro soci pubblici del Catullo (Comune di Verona, Provincia di Verona, Provincia Autonoma di Trento e Camera di Commercio di Verona). Aerogest è ora nella fase di liquidazione, ma questo non impedirà al Comune di contribuire.
«L'impegno che si sono presi i soci del Catullo, vista l'importanza di questo asset per l’economica del nostro territorio, è importante perché nel superare il Covid adesso possiamo programmare un rilancio a lungo termine - ha commentato il sindaco di Verona Federico Sboarina - La pandemia ha solo ritardato le decisioni già prese, obiettivi strategici perseguiti nell’interesse del territorio e della sua economia. La crescita e lo sviluppo del Catullo sono stati tra gli obiettivi per i quali ho lavorato da subito, già nei giorni seguenti all’insediamento. Ho sempre spinto perché il socio privato realizzasse il piano industriale necessario per veder partire nello scalo veronese i primi cantieri e dare il via ad una ristrutturazione complessiva non più procrastinabile, che farà del nostro aeroporto un’infrastruttura è strategica, ma anche attrattiva ed efficiente, sia per i turisti che per il traffico business».

E il socio privato del Catullo è Save, il cui presidente Enrico Marchi ha dichiarato: «Con l'aumento di capitale si può dare finalmente avvio alle opere di potenziamento e ampliamento degli aeroporti di Verona e Brescia, propedeutiche allo sviluppo dei due scali. Il lavoro impostato in questi anni ai due aeroporti e le sinergie attivate tra gli scali del Nordest hanno dimostrato l’importanza del fare sistema e sono oggi ancor più determinanti per agganciare la ripartenza e per vincere le sfide che ci attendono nel prossimo futuro, superando la crisi determinata dalla pandemia, cogliendo ogni opportunità di crescita, rafforzando i legami e lavorando in modo coeso con il territorio anche in vista degli importanti appuntamenti che ci attendono nei prossimi anni».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumento di capitale dell'aeroporto Catullo, Sboarina: «Rilancio a lungo termine»

VeronaSera è in caricamento