menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Melegatti, è partita l'asta per aggiudicarsi il gruppo industriale del pandoro

Il lotto è unico e comprende la vendita delle due aziende: la Melegatti di San Giovanni Lupatoto e la Nuova Marelli di San Martino Buon Albergo. Le offerte si possono presentare entro il 27 luglio

È stata pubblicata ieri, 26 giugno, sul sito delle vendite pubbliche del ministero della giustizia (lo si può consultare a questo link). È l'asta competitiva con cui è stato messo in vendita il fallito gruppo Melegatti. Il lotto è unico e comprende la vendita delle due aziende del gruppo: la Melegatti di San Giovanni Lupatoto e la Nuova Marelli di San Martino Buon Albergo. La prima è l'azienda che produce e commercializza il pandoro ed altri dolci simili con il marchio Melegatti, la seconda produce e commercializza in proprio e anche per conto terzi prodotti da forno.

La base d'asta per l'intero lotto è di 18 milioni di euro, più o meno due terzi per la Melegatti e un terzo per la Nuova Marelli. L'offerta minima è di 13 milioni e mezzo di euro e il rialzo minimo è di 20mila euro. I potenziali acquirenti potranno presentare offerte entro venerdì 27 luglio, mentre la data della vendita è stata fissata per il 30 luglio.

Al punto 2 del regolamento dell'aste viene esplicitato che chi dovesse aggiudicarsi l'asta "subentrerà in tutti i rapporti di lavoro subordinato in essere alla data di cessione". Questo per tutelare i posti di lavoro. Tutela che è alla base anche della richiesta per l'esercizio provvisorio della sola Melegatti, in modo tale che una decina di dipendenti possano tornare in fabbrica per mantenerla attiva, mentre per gli altri possa essere attivata la cassa integrazione straordinaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Da Verona parte la crociata contro Sanremo, Castagna: «È diventato Sodoma e Gomorra?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento