ArtVerona in presenza solo nel 2021, per quest'anno solo eventi digitali

Il direttore artistico Stefano Raimondi: «Attraverso diversi appuntamenti, il palinsesto online potrà contribuire in modo utile a promuovere e comunicare il sistema italiano dell'arte moderna e contemporanea»

Foto Facebook ArtVerona

Veronafiere, preso atto dell'andamento dell'emergenza sanitaria e dell'entrata in vigore dei nuovi dpcm che vietano manifestazioni di carattere nazionale e internazionale e limitano gli spostamenti, ha deciso di posticipare al 2021 la 16esima edizione di ArtVerona, prevista inizialmente in presenza per il prossimo mese di dicembre. ArtVerona, comunque, non si ferma e prosegue la sua attività di promozione per il sistema dell'arte italiana con un nuovo programma tutto digitale. Si tratta di un'opportunità di dialogo, incontro e scambio che viene offerta gratuitamente a espositori e pubblico sulla piattaforma Artshell, con una versione personalizzata e ottimizzata per ArtVerona.

«In tutti questi mesi abbiamo continuato a lavorare alla definizione di un progetto che fosse sostenibile e di qualità - ha spiegato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere - investendo per garantire l'esperienza di una fiera fisica nella massima sicurezza possibile, grazie al nostro protocollo safebusiness validato dalle autorità sanitarie. Un forte impegno che era stato recepito da espositori e partner, con 122 gallerie che hanno creduto con noi fino all'ultimo nella fattibilità dell’evento e nel valore che avrebbe avuto questa edizione 2020 di ArtVerona per dare una prima risposta concreta ad un settore che ha bisogno di rilanciarsi».
«Eravamo pronti a presentare a dicembre un format sostanzialmente completo - ha aggiunto Stefano Raimondi, direttore artistico di ArtVerona - e su questa solida base costruiremo l'appuntamento in presenza del 2021. Allo stesso tempo, abbiamo definito e siamo pronti a lanciare un calendario di iniziative digitali, concepite come originali e autonome. Attraverso diversi appuntamenti, il palinsesto online potrà contribuire in modo utile a promuovere e comunicare il sistema italiano dell'arte moderna e contemporanea».

Il programma digitale di ArtVerona è pensato per offrire alle gallerie la possibilità di incontrare collezionisti e istituzioni, ed è stato definito in collaborazione con Angamc (Associazione Nazionale Gallerie di Arte Moderna e Contemporanea).
Si inizia il 27 novembre 2020 con Digital Black, il primo "Black Friday" digitale dell'arte contemporanea italiana, in cui ogni galleria aderente proporrà per 24 ore una sola opera al costo più basso possibile, con l'obiettivo di avvicinare a questo mondo anche il pubblico più generico.
Si prosegue poi con Digital Yellow: gli artisti al centro della scena. Dal 4 al 14 dicembre 2020 ogni galleria potrà caricare e presentare a collezionisti e appassionati fino a 15 lavori di artisti rappresentati. Tra questi verrà scelto anche un giovane emergente da valorizzare nei musei e nelle fondazioni private italiane che aderiscono anche quest’anno al circuito di Level 0.
Chiude Digital White by Angamc: i solo show in cui, dal 15 dicembre 2020 al 10 gennaio 2021, le gallerie iscritte all'associazione Angamc potranno approfondire e mostrare fino a 10 opere di un solo artista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento