Economia

Amia rafforza la sua posizione, acquisite le quote di Esa

La multiutility veronese gestisce ora quasi il 90% del servizio di raccolta rifiuti del territorio provinciale

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeronaSera

 

Amia Verona Spa rende noto di aver acquisito il 40%  di capitale sociale della società ESA–Com S.p.A (ex Eco-CISI S.p.A.) Eco Servizi Ambientali e comunali, società attiva nel servizio di raccolta e smaltimento rifiuti per una ventina di comuni del Basso veronese.
A seguito di tale acquisizione  il valore strategico di Amia si rafforza ulteriormente, arrivando a gestire quasi il 90 per cento del servizio di raccolta rifiuti del territorio provinciale: per l’intera provincia di Verona la quantità di rifiuto raccolto si aggira infatti sulle 460 mila tonnellate, 400 mila delle quali saranno ora gestite direttamente da Amia, grazie al supporto della controllata Serit S.r.l e della partecipata  ESA – Com S.p.A.  
Amia e la controllata Serit, infatti, attualmente gestiscono la raccolta dei rifiuti per 710 mila abitanti nella provincia di Verona, raccogliendo 370 mila tonnellate di rifiuti di cui il 60% viene avviato a recupero. Grazie alla nuova acquisizione del capitale sociale di ESA- Com, Amia parteciperà alla gestione dei servizi per altri 86 mila abitanti, raccogliendo ulteriori 35 mila tonnellate di rifiuto (di cui il 64% destinato a raccolta differenziata).
“Grazie all’acquisizione di queste quote  -spiega il presidente Stefano Legramandi-  Amia Verona Spa rafforza la sua posizione sul mercato, ottenendo economie di scala sempre più ampie che consentiranno di raggiungere maggiore efficienza e competitività anche in vista della liberalizzazione del settore in atto. Sarà ora possibile, attraverso il dialogo con le principali aziende pubbliche provinciali, pianificare un sistema impiantistico per valorizzare le varie frazioni di rifiuto provenienti dalle raccolte differenziate, senza ricorrere a soggetti terzi. L’operazione porterà quindi ad una effettiva integrazione operativa, volta a ridurre la frammentazione gestionale della raccolta rifiuti in ambito provinciale”.
Eco-Cisi SpA ( già ESA-Com SpA) nasce il 26 luglio 2000; la natura della società è interamente a capitale pubblico, partecipata direttamente da Enti Pubblici o Società a capitale pubblico. ESA-Com SpA ha per oggetto l’organizzazione, la gestione e l’esecuzione in proprio o a mezzo di terzi di servizi in materia ambientale, con attività di raccolta e trasporto rifiuti solidi urbani, servizio di gestione della tariffa integrata ambientale (T.I.A.), servizi complementari di pulizia e spazzamento sul territorio dei comuni gestiti.  I comuni soci affidatari dei servizi sono: Vigasio (abitanti 9.636) Nogarole Rocca (abitanti 3.566) Salizzole (abitanti 3.792) Roverchiara (abitanti 2.814) San Pietro di Morubio (abitanti 3.054) Gazzo Veronese ( abitanti 5.562) Sorgà (abitanti 3.169) Trevenzuolo (abitanti 2.743)  Terrazzo (abitanti 2.345) Oppeano (abitanti 9.630) Belfiore (abitanti 3.078) Erbé (abitanti 1.847) Angiari ( abitanti 2.214) Casaleone (abitanti 6.006) Concamarise (abitanti 1.084)  Palù (abitanti 1.302) Isola della Scala (abitanti 11.564) Isola Rizza (3.312).
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amia rafforza la sua posizione, acquisite le quote di Esa

VeronaSera è in caricamento