rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cucina Sommacampagna / Piazza della Repubblica

Le ricette della tradizione veronese: mezza scodella di brodo e ossa da rosicchiare

Quest'usanza è andata un po' svanendo con lo scorrere del tempo ma coloro con qualche anno in più, ricorderanno sicuramente quando veniva consumato questa specie di spuntino

L'usanza di consumare questo stuzzichino si è un po' persa, ma in molti ricorderanno sicuramente quando le loro madri o le loro nonne preparavano il brodo di carne mettendo il pentolone sul fornello già il primo mattino e quando il padre, o il nonno, nella tarda mattinata si magiavano una mezza scodella e ossa da rosicchiare per "tirarse su la petorina". Il mio di nonno diceva spesso invece "bei el brodo che el fa ben", invitandomi a consumare con lui quello spuntino. Ecco quindi come prepararlo. 

GLI INGREDIENTI: 

  • Brodo di carne;
  • ossa di manzo; 
  • 1 carota; 
  • 1 gambo di sedano;
  • 1 cipolla; 
  • sale.

IL PROCEDIMENTO: Preparate il brodo di carni miste (gallina, punta di petto, pezzetto di muscolo) nel modo consueto. Aggiungete al brodo due o tre ossa ricche di cartilagini, carota, sedano e cipolla.
A preferenza si può sorseggiare mezza scodellina di brodo con poco formaggio grattugiato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le ricette della tradizione veronese: mezza scodella di brodo e ossa da rosicchiare

VeronaSera è in caricamento