Cucina San Zeno / Piazza Corrubbio

Le ricette della tradizione veronese: Léoro al Valpolicella

Un succulento piatto dedicato soprattutto ai cacciatori, che durante la stagione venatoria cercano la propria preda da gustarsi poi nella propria casa

Durante la stagione di caccia la lepre è una preda sempre molto ambita dagli appassionati, che solitamente non vedono l'ora di portarne a casa una per godersi poi un succulento piatto. Unito al vino Valpolicella, l'animale compone una portata da sempre molto apprezzata nella zona veronese, valorizzando così anche un prodotto tipico che nasce, cresce e si trasforma in una della più belle parti della provincia scaligera. 

INGREDIENTI:

  • 1 lepre;
  • 1 litro di Valpolicella;
  • 4 cipolle;
  • 100 grammi di lardo;
  • peperoncino in polvere;
  • 3 cucchiai di farina;
  • 1 tazza di brodo;
  • 1 bicchiere di olio extravergine d'oliva;
  • sale. 

IL PROCEDIMENTO - Pulite la lepre, lavatela in acqua fredda, asciugatela e dividetela in pezzi. Sbucciate, tagliate a fette le cipolle e mettetele a rosolare con l'olio e il lardo tritato. Unite la lepre passata nella farina, al soffritto e scottatela per 10 minuti. Insaporite con sale e peperoncino. Irrorate con il vino, fate cuocere a fuoco basso e con il tegame coperto per 2 ore. Se necessario bagnate con il brodo caldo. Passate al passaverdura la cipolla, regolate di sale e portate in tavola con polenta o purè di patate. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le ricette della tradizione veronese: Léoro al Valpolicella

VeronaSera è in caricamento