I dolci della tradizione veronese: i tipici "rofioi" di Sanguinetto

Il nome deriva probabilmente da "ravioli" a cui assomigliano. Sono nati in una contrada del Comune per la festa del Santo Nome di Maria. Venivano preparati la sera prima e appesi durante la notte

La ricetta che ancora oggi si usa è datata 1931, ma i rofioi nascono prima, nella seconda metà del IXX° secolo in una delle quattro contrade di Sanguinetto. Questi dolci sono nati per una festa particolare quella del 12 settembre, il Santo Nome di Maria. Venivano preparati il giorno prima e venivano appesi durante la notte, così che i bambini del paese potessero trovarli quasi magicamente nel mattino della festa

Il loro nome deriva probabilmente dalla parola "ravioli" per la loro forma. Sono effettivamente dei ravioli dolci e fritti, il cui ripieno originariamente era un segreto. Ora però non lo è più ed è questa la ricetta originale dei tipici rofioi di Sanguinetto:

INGREDIENTI PER L'IMPASTO:

  • 500 grammi di farina 00
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 4 uova
  • mezzo bicchiere di latte
  • sale
  • zucchero a velo
  • olio per friggere

INGREDIENTI PER IL RIPIENO:

  • 200 grammi di amaretti
  • 200 grammi di mandorle senza buccia
  • 5 cucchiai di marmellata di susine
  • 100 grammi di zucchero
  • mezzo bicchiere di grappa

PROCEDIMENTO:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima preparare il ripieno, frullando amaretti e mandorle ed amalgamandoli in un recipiente con il resto degli ingredienti fino ad ottenere un composto morbido. Poi si passa all'impasto. Rompere le uova e versarle al centro di una montagnola di farina, aggiungere latte, sale e zucchero e impastare. Una volta amalgamato il tutto, stendere l'impasto molto sottile e tagliare la sfoglia a quadratini di circa 5 cm per lato. Al centro di ogni quadratino mettere un cucchiaino di ripieno, chiudendoli poi a forma di triangolo. I rofioi vanno poi fritti in abbondante olio fino a quando non sono dorati e poi lasciati freddare sulla carta assorbende con sopra un po' di zucchero a velo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • La bella iniziativa del Comune di Bussolengo che favorisce il turismo e andrebbe imitata

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento