menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Controlli polizia

Controlli polizia

È tornata la zona rossa: dal coprifuoco alle visite, le regole per il "Capodanno Covid"

Vademecum di San Silvestro e Capodanno: gli spostamenti in zona rossa, il coprifuoco fino alle 7 del primo dell'anno, seconde case, le deroghe per visite, attività motoria e sportiva

Da oggi, venerdì 31 dicembre, fino a domenica 3 gennaio 2021 torna in tutta Italia la zona rossa con le relative prescrizioni e limitazioni sugli spostamenti, ma anche le deroghe e le concessioni speciali del governo per questo periodo natalizio, in particolare la possibilità di fare la cosiddetta "visita a casa". Considerata la prossimità della notte di San Silvestro, ricapitoliamo in breve quali sono tutte le principali regole da rispettare in zona rossa, ricordando poi che nel territorio di Verona è vietata l'esplosione di "botti" in virtù del regolamento comunale. Restano poi rigorosamente vietati dalla normativa nazionale sia gli assembramenti in genere che «le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose».

Gli spostamenti in zona rossa

In zona rossa la mobilità è soggetta a limitazioni a livello intracomunale, cioè a dire già all'interno del proprio stesso Comune di riferimento. Questo significa che per mettere piede fuori di casa bisogna avere o dei motivi di lavoro, oppure delle situazioni di necessità, o dei motivi di salute. Si può però anche uscire di casa per fare attività motoria, oppure per fare attività sportiva individuale e, infine, una volta al giorno si può uscire per fare una "visita a casa" di parenti o amici. Tutte e tre queste circostanze sono soggette a regole precise che analizzeremo brevemente in seguito.

In linea generale, dunque, quello che bisogna sempre ricordare è che in zona rossa ogni volta che si esce di casa è necessaria l'autocertificazione per gli spostamenti, la quale può essere già preventivamente compilata (clicca qui per scaricarla) oppure fornita dalle forze dell'ordine in caso di controllo. È evidente, dunque, che essendo limitata la mobilità già all'interno del proprio Comune, ugualmente per spostarsi tra Comuni diversi o addirittura in un'altra Regione è necessario avere validi motivi ammessi dalla normativa (lavoro, necessità, salute), o fruire delle deroghe specifiche che vedremo in seguito.

Il coprifuoco in zona rossa

La norma sul "coprifuoco" tra le ore 22 e le 5 del mattino seguente resta valida anche per la zona rossa. Bisogna però ricordare due cose: la prima è che il giorno 1 gennaio 2021 il "coprifuoco" durerà fino alle ore 7 del mattino, la seconda che la deroga al divieto di spostamento per compiere il «rientro alla residenza, domicilio o abitazione» non è applicabile durante gli orari di coprifuoco. Incrociando le due cose, tali disposizioni per la notte di capodanno hanno come effetto che chi voglia fare la cena del 31 dicembre a casa di amici o parenti dovrà essere tornato alla propria abitazione entro le ore 22, oppure trascorrere la notte a casa dell'amico o parente e rientrare poi il giorno dopo, attenzione, a partire dalle ore 7 quando il primo dell'anno sarà finito l'orario di "coprifuoco". Qui trovate l'approfondimento sul tema.

Attività motoria e attività sportiva in zona rossa

Se in zona rossa volete uscire di casa per una passeggiata, vi è consentito farlo ma solo in prossimità della vostra abitazione. Se invece siete dei runner, degli aspiranti maratoneti o semplici corridori appassionati e volete fare una corsa, le cose cambiano. La passeggiata è un'attività motoria e come tale in zona rossa può essere svolta solo in prossimità di casa propria e con mascherina, mentre la corsa è attività sportiva individuale che al contrario non è soggetta a tali limitazioni e può essere svolta, rispettando però il distanziamento interpersonale di due metri, «nell'ambito del territorio del proprio Comune» (qui trovate la Faq ufficiale del governo).

Non solo, il governo ha infatti chiarito che anche in zona rossa se si svolge un'attività sportiva individuale che in se stessa implichi uno spostamento, è consentito uscire dal proprio Comune e transitare in un altro, purché poi lo spostamento si concluda nel Comune di partenza e, nel mentre, non si compiano attività differenti da quella sportiva individuale, cioè l'intero spostamento resti finalizzato a compiere solo e soltanto attività sportiva individuale. I due esempi canonici per comprendere meglio, usati anche nelle Faq del governo, sono appunto la corsa ed il ciclismo: se a Verona in zona rossa volete uscire di casa per fare una corsa siete legittimati ad andare anche sulle Torricelle, così come siete in diritto di salirvi in bicicletta. Ma non solo, se le Torricelle non vi bastano, la vostra corsa o la vostra pedalata in bici può legittimare il vostro spostamento anche attraverso altri Comuni, dal lago alla montagna. Naturalmente anche in tutte queste circostanze, compresa la semplice passeggiata in prossimità della propria abitazione, vi può essere richiesto di compilare l'autocertificazione, sia dunque per l'attività motoria che per l'attività sportiva individuale. Qui trovate l'approfondimento sul tema.

La "visita a casa" in zona rossa

È sempre possibile, senza limitazioni né di orari né geografiche, spostarsi per prestare assistenza a una persona non autosufficiente.

Inoltre, anche nei giorni di zona rossa che vanno dal 24 dicembre 2020 e fino al 6 gennaio 2021, il governo ha istituito una deroga speciale per consentire un minimo di socialità durante le festività. Si tratta della cosiddetta concessione della "visita a casa", di cui schematicamente qui riportiamo le regole essenziali:

  • Lo spostamento per fare visita a casa di amici o parenti può avvenire una sola volta al giorno. Nello «spostamento» in deroga ai divieti sono inclusi sia l'andata che il ritorno (il ritorno può avvenire anche il giorno dopo con pernottamento nell'abitazione prescelta per la visita).
  • Lo spostamento per fare visita a casa di amici o parenti può avvenire ogni giorno verso una sola abitazione privata.
  • Lo spostamento per fare visita a casa di amici o parenti deve avvenire nel rispetto degli orari di coprifuoco, quindi tra le 5 e le 22 (il 1° dell'anno però il coprifuoco finirà alle ore 7 del mattino).
  • Lo spostamento per fare visita a casa di amici o parenti può avvenire solo verso un'abitazione privata che sia ubicata all'interno della Regione dove si ha la residenza, domicilio o abitazione. 
  • Lo spostamento per fare visita a casa di amici o parenti è consentito «nei limiti di due persone, ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi». Sull'ambiguità della formulazione e la duplice interpretazione possibile ci siamo già espressi, ma a prescindere da ciò, quel che è certo è che nelle «due persone» che si spostano non vanno conteggiati i minori di 14 anni e i soggetti disabili o non autosufficienti che convivano con chi compie lo spostamento.

Qui trovate l'approfondimento sul tema.

Le seconde case in zona rossa

È possibile in zona rossa raggiungere una cosiddetta "seconda casa", purché questa sia situata all'interno della propria Regione e lo spostamento può avvenire sempre e solo nel rispetto degli orari di "coprifuoco". La seconda casa può essere raggiunta solo da un nucleo familiare, anche se l'abitazione è intestata a più proprietari. Non vi è però una disposizione specifica che limiti la possibilità di utilizzare la deroga della "visita a casa", pur sempre nel rispetto delle previste regole appena esposte, anche per compiere uno spostamento verso un'abitazione privata che sia appunto una seconda casa.

Negozi, bar e ristoranti in zona rossa

Gli esercizi commerciali in genere sono chiusi tranne quelli ritenuti dal Dpcm del 3 dicembre (allegato numero 23) essenziali. Oltre naturalmente ai negozi di generi alimentari, le farmacie, edicole, tabacchi, ve ne sono diversi altri aperti e, dunque, raggiungibili, sempre tenendo presente il "principio di contiguità", vale a dire ci si reca per fare un acquisto nel negozio a noi più vicino. Tra i negozi che possono restare aperti troviamo anche i vivai, le librerie e quelli che vendono articoli sportivi. Qui trovate l'approfondimento sul tema.

Per quel che riguarda i bar, ristoranti, le pasticcerie ed in genere i locali del settore della ristorazione, sono consentite le sole attività di vendita d'asporto e di consegna a domicilio. Le consegne a domicilio non subiscono restrizioni di alcun tipo in zona rossa, mentre l'asporto può essere effettuato solo tra le ore 5 del mattino e le 22 della sera. È quindi consentito anche in zona rossa uscire di casa per comprare cibo o bevande d'asporto, con l'indicazione giunta dalla prefettura di Verona che tali acquisti possano però avvenire solo all'interno del proprio Comune. E se nel mio Comune non c'è una pizzeria dove comprare una pizza d'asporto? La prefettura di Verona non pare essersi posta il problema, ma le Faq del governo lasciano intendere sia possibile recarsi anche in zona rossa nel luogo a noi più vicino dove sia possibile soddisfare le proprie esigenze d'acquisto.

Le altre misure principali della zona rossa

Di seguito le ulteriori più importanti limitazioni previste in zona rossa:

  • Sono chiusi i centri estetici, ma restano aperti i barbieri e parrucchieri.
  • Gli impianti sciistici sono chiusi per gli sciatori amatoriali. 
  • Sono chiusi musei e mostre, teatri, cinema e sale da concerto.
  • Sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo (anche nei bar e nelle tabaccherie).
  • Sono chiuse sale da ballo e discoteche
  • È disposta la chiusura dei centri commerciali salvo per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità al loro interno, purché sia consentito l'accesso solo a tali attività e ferme restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi. 

Allegati

In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Palestra in casa: gli attrezzi immancabili

  • social

    Epilessia: come fare attività fisica in sicurezza

  • social

    Ristorazione: i trend 2021 secondo TheFork 

  • social

    Un pizzico di cocktail: nasce il nuovo programma dedicato a dessert e cocktail

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento