Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Cerea / Via Vittorio Veneto

Woolf. Il bracciale che segnala i biker gli autovelox e le strade pericolose

L'idea è della veronese Netgrid e per produrla è stata organizzata una colletta su Kickstarter. Il dispositivo si collega via Bluetooth ad un'app del cellulare

Si chiama Woolf e, come il personaggio del film Pulp Fiction, risolve problemi. E li risolve soprattutto ai motociclisti. L'invenzione è stata partorita da Netgrid, un gruppo di professionisti veronesi con la passione per internet, il design e le nuove tecnologie.

Woolf non è altro che un bracciale che si collega via Bluetooth ad un'applicazione scaricabile dagli smartphone. Il biker non deve fare altro che indossarlo e connetterlo all'applicazione. Dopo di che, mentre la moto è in corsa, il dispositivo segnalerà al centauro, tramite una vibrazione, di rallentare o per un tratto di strada pericoloso oppure per la presenza di autovelox.

Un dispositivo perfettamente legale che mira ad aumentare la sicurezza stradale e aiuta anche i motociclisti ad evitare le multe. L'obiettivo di chi lo ha ideato è di metterlo in commercio, ma per farlo bisogna trovare i soldi per produrlo. Così è nata la colletta su Kickstarter, per permettere a tutti, attraverso una donazione, di far partire questo progetto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Woolf. Il bracciale che segnala i biker gli autovelox e le strade pericolose

VeronaSera è in caricamento