Vuole gettarsi da un ponte, 43enne salvata in extremis

Intervento dei carabinieri ieri notte. La donna voleva gettarsi nel Camuzzoni da via Basso Acquar

Vuole gettarsi da un ponte, 43enne salvata in extremis
Stava per farla finita per una storia d’amore andata male. La scorsa notte aveva deciso il posto e scavalcato la ringhiera di un ponte sul canale Camuzzoni. A salvare una 43enne veronese pochi attimi prima dal suicidio, in via Basso Acquar, è stata una pattuglia del Nucleo radiomobile dei carabinieri, allertata da un cittadino che aveva assistito alla scena.

La coppia di militari è riuscita ad intervenire appena in tempo: mentre uno bloccava la donna all’altezza del busto, il secondo, scavalcando la recinzione, ha provveduto ad alzarla di peso per metterla in sicurezza. Sul posto è giunta in pochi attimi un’ambulanza di Verona Emergenza, che ha trasferito la donna al Pronto soccorso di Borgo Roma per le cure preliminari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento