Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Via dello Zappatore

Omicidio Bellucci. La Corte d'Appello conferma la condanna a 30 anni per Ciccolini

Nel pomeriggio di ieri è arrivata la sentenza del tribunale di Trento, che sembra quindi aver accolto le richieste dell'accusa ma le motivazioni verranno depositate solamente fra tre mesi

La Corte d'Assise d'Appello di Trento ha deciso: Vittorio Ciccolini, l'avvocato veronese che il 10 agosto 2013 uccise Lucia Bellucci pugnalandola al cuore, dovrà scontare 30 anni di carcere. 
La sentenza è arrivata nel tardo pomeriggio di lunedì, con qualche ora di ritardo (era attesa per le 14), e ha confermato il massimo della pena, nonostante il rito abbreviato, come richiesto dall'accusa per un delitto aggravato dalla premeditazione. In parte dovrebbe essere modificata l'entità del risarcimento che spetta alla famiglia, con circa 200mila euro per i genitori e 100mila per i fratelli (come riporta il quotidiano L'Arena), e all'associazione Isolina, ma le cifre verranno stabilite dal giudice civile in un secondo momento, mentre le motivazioni verranno depositate fra tre mesi.
Nessuna attenuante quindi per l'uomo che non voleva accettare la fine della relazione con la 30enne di Pergola, con la famiglia che in aula ha atteso la lettura della sentenza e che alla fine ha commentato, sempre ai microfoni del giornale veronese: "Ogni altra pena sarebbe stata un'offesa".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Bellucci. La Corte d'Appello conferma la condanna a 30 anni per Ciccolini

VeronaSera è in caricamento