menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri a Garda

I carabinieri a Garda

Racconta ai carabinieri un anno di violenze inflittele dal compagno: arrestato

L'ennesima violenta lite che si sarebbe verificata alla fine di settembre, avrebbe convinto la donna a rivolgersi alle forze dell'ordine di Bardolino per chiedere il loro aiuto

Esasperata dalle sue angherie la convivente lo ha denunciato, così nella serata di venerdì 16 ottobre i carabinieri della stazione di Bardolino hanno dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall'autorità giudiziaria di Verona nei confronti di F.F., 57enne di origini campane residente a Garda, accusato del reato di maltrattamenti in famiglia. 

Come detto, sarebbero stati i continui maltrattamenti subiti a convincere la donna a rivolgersi ai militari, che hanno immediatamente attivato il “Codice Rosso”. Verso la fine di settembre, al culmine dell’ennesima violenta lite con F.F., la vittima si è recata dalle forze dell'ordine e ha riferito i numerosi episodi di violenza fisica e psichica che avrebbe subito nell’ultimo anno. Nei suoi racconti avrebbe precisato che tali fatti si sarebbero verificati soprattutto quando il compagno assumeva sostanze stupefacenti o abusava di alcol, per sfociare solitamente in minacce di morte ed insulti di vario genere, ma anche in percosse e spintoni al punto da “renderle avvilente e dolorosa la quotidiana vita”, come precisato nell’Ordinanza.

Ricevuta la denuncia, i carabinieri hanno provveduto a collocare la donna in una struttura protetta e poi ad eseguire tutti gli accertamenti utili a corroborare gli elementi da lei forniti.
Il quadro indiziario a carico dell’arrestato ricostruito dagli investigatori, considerato il carattere violento emerso e la gravità delle azioni che avrebbe commesso in danno della vittima, è stato pienamente condiviso dall’autorità giudiziaria che ha emesso l'ordine di carcerazione nei confronti di F.F.
Il stessi militari riferiscono di aver rilevato il carattere arrogante e violento di quest’ultimo, quando si sono recati presso la sua residenza per prelevarlo e condurlo a Montorio: all'atto della notifica del provvedimento, il 57enne in in primo momento si sarebbe rifiutato di seguire gli operatori, iniziando a spaccare mobili e tutto ciò che aveva a portata di mano, venendo infine comunque bloccato e condotto in caserma. 
Dopo le formalità di rito, rese particolarmente difficili dall'atteggiamento ostruzionistico dell’arrestato, questi è stato condotto presso la casa circondariale di Verona a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento