menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Violenza sessuale e tratta, fermato nigeriano

Violenza sessuale e tratta, fermato nigeriano

Violenza sessuale e tratta, fermato nigeriano

Portava in Italia ragazze nigeriane e le prostituiva. Fermato in stazione

Nel tardo pomeriggio di domenica, nei pressi della stazione ferroviaria, la polfer ha fermato il ventenne nigeriano Kennedy Uwagboe, sul quale pendeva un decreto di fermo della Procura di Bari. I reati che pendono su di lui sono molto gravi: riduzione in schiavitu‎, ‎violenza sessuale‎ e lesioni‎. La sala operativa del compartimento polfer ha ricevuto la notizia dalla Squadra Mobile di Bari sulla possibilità che il cittadino nigeriano sarebbe potuto passare di lì in quanto avrebbe dovuto incontrare alcune ragazze nigeriane. Nel pomeriggio gli agenti lo hanno riconosciuto mentre stava transitando con la sua macchina nel piazzale XXV aprile e hanno subito proceduto all'arresto dopo un breve inseguimento.

Il fermo del cittadino nigeriano si inquadra in una più ampia attività di indagine della Squadra Mobile di Bari, la quale nei giorni scorsi aveva arrestato (nella sua città) altri due nigeriani: la moglie ventinovenne del ragazzo fermato a Verona, Lelilatu Adedeji, per i medesimi reati contestati al marito, e la trentacinquenne Abies Aigbe, responsabile del reato di sfruttamento della prostituzione e di favoreggiamento personale.

Le indagini avevano preso avvio alcuni mesi orsono, in seguito al ferimento di una ragazza nigeriana avvenuto a Bari. L’attività investigativa aveva permesso di evidenziare come i coniugi nigeriani avessero condotto con l’inganno la ragazza in Italia con la prospettiva di un impiego regolare ed invece, giunti nel nostro Paese, l’avessero costretta con violenza a prostituirsi prima a Milano e poi in alcune città pugliesi. Oltre a questa ragazza, anche un'altra cittadina nigeriana è stata coinvolta. Questa è stata anche ferita durante il meretricio, ragione per la quale è partita l'indagine. Il nigeriano che è stato fermato a Verona, durante l'arresto ha consegnato anche una modica quantità di stupefacente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento