Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Piazza Brà

"Questo non è Amore". La Polizia torna in piazza contro la violenza sulle donne

All'ombra dell'Arena, dalle 9 alle 13 di domenica 25 marzo, uno stand affiancato da una postazione mobile sarà a disposizione del pubblico per garantire assistenza e informazioni su questa piaga sociale

Cosa si aspetta una donna, vittima di violenza di genere, dalla Polizia? Sicuramente protezione ed indagini che portino presto ad avere giustizia, ma non solo.
L'agente, a cui viene chiesto aiuto, deve anche saper rispondere al dolore che prova chi ha subito maltrattamenti e abusi. Gli operatori della Polizia di Stato si trovano, infatti, necessariamente nella condizione di dover assicurare alla vittima l’accoglienza, le informazioni e il sostegno necessari a sfuggire dalla condizione di soggezione emotiva e di isolamento psicologico che sta vivendo.

È proprio questo approccio, che va ad incidere sull’aspetto umano prima ancora che su quello giuridico, a spingere la Polizia di Stato a scendere in piazza, nuovamente, nella giornata di domani 25 marzo, in occasione della Corsa di Giulietta, al fine di promuovere la campagna istituzionale “Questo non è Amore”, contro la violenza di genere.
Dalle ore 9 alle ore 13, sarà allestito in piazza Bra, uno stand affiancato da una postazione mobile, dove un’equipe di operatori di Polizia specializzati nella gestione dei reati di questo tipo, sarà a disposizione del pubblico interessato per garantire la necessaria assistenza, anche attraverso l’immediata informazione all’Autorità Giudiziaria, in caso di ricezione di denunce. Oltre a fornire la tutela dovuta nei casi di violenza già consumata, l’obiettivo ulteriore sarà quello di trasmettere le informazioni utili per la diffusione di un’adeguata cultura e per il superamento della mentalità di sopraffazione che favorisce la violenza nei confronti delle donne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Questo non è Amore". La Polizia torna in piazza contro la violenza sulle donne

VeronaSera è in caricamento