Villa Pullè pronta al rilancio: firmato il protocollo d'intesa tra Inps e Comune

Villa Marioni Pullè, di proprietà dell'Inps, verrà valorizzata urbanisticamente grazie al Protocollo di Intesa istituzionale per il suo recupero e riuso funzionale, sottoscritto oggi a palazzo Barbieri dal Sindaco Flavio Tosi e dal Presidente dell'Inps Tito Boeri

Il presidente dell'Inps Tito Boeri e il Sindaco di Verona Flavio Tosi hanno sottoscritto oggi a palazzo Barbieri il Protocollo di Intesa istituzionale per il recupero, la valorizzazione e il riuso funzionale di Villa Pullè. Presenti l'assessore all'Istruzione e Politiche giovanili Alberto Benetti, delegato alla trattativa con l'Inps e il presidente della terza circoscrizione Massimo Paci.
“Un’operazione di permuta – dichiara il Sindaco Tosi – che consentirà di valorizzare, con la complessiva riqualificazione della Villa, un importante immobile di pregio e di restituire, con la sistemazione del parco, una bellissima area verde alla cittadinanza. Una decisione che conviene a Verona e agli interessi dell’intero Paese – sottolinea il Sindaco – di cui è doveroso ringraziare il presidente Boeri che, fra le sempre mille complicazioni burocratiche, è stato in grado di portare a risoluzione con rapidità un’operazione che rischiava di trascinarsi per anni”. “Grazie all’accordo – precisa l’assessore Benetti – diverrà del Comune l’area del parco prospiciente alla piazza del Chievo che, a seguito dell’abbattimento dell’attuale muro di cinta, potrà finalmente divenire spazio verde pubblico a servizio della cittadinanza. Inoltre – conclude Benetti – sarà posto un vincolo d’uso sulla Villa e sul restante parco di proprietà dell’Inps, in modo da consentire, in alcune occasioni dell’anno, la futura accessibilità degli spazi privati anche da parte dei cittadini”.

“Un accordo positivo per il Comune di Verona e anche per l'Inps - commenta il presidente Boeri - che rientra nell'ambito di un piano più generale di dismissioni di beni di proprietà dell'istituto. Villa Pullè era abbandonata al degrado da troppi anni: non potevamo più permettere che un immobile di grande pregio continuasse ad offrire un'immagine negativa in un'area tanto importante, ed in piena espansione, della città. Con questa permuta, la cittadinanza avrà a disposizione un'ampia area verde attigua alla piazza del quartiere e, in futuro, la Villa potrà essere aperta ai cittadini in alcuni giorni dell'anno. Abbiamo scelto infatti di garantirne la valorizzazione attraverso una serie di possibilità aperte, in linea con il valore storico e artistico della Villa: poi dipenderà, naturalmente, dall'interesse manifestato dai privati, nell'ambito del piano di dismissioni. Siamo convinti che, in un periodo di grandi ristrettezze per i bilanci degli enti pubblici, l'unica strada possibile per la valorizzazione degli immobili di pregio sia la sinergia fra pubblico e privato”.

villa-pulleP-2

L'accordo sottoscritto prevede la permuta fra Comune e Inps di aree del parco di identica superficie (circa 10 mila mq), in modo da lasciare al Comune il pieno possesso dell'area verde a ridosso di piazza Chievo, attualmente di proprietà dell'Inps, destinata a verde pubblico; Inps avrà in cambio analoga area comunale del Parco interno, che sarà destinata a verde privato. L'intesa prevede anche la definizione del progetto di una doppia recinzione sul fronte principale della villa: una (aperta) verso piazza Chievo e l’altra (chiusa) tra il verde pubblico e la villa stessa; progetto da concordare con il Comune di Verona e da assoggettare all’approvazione della Soprintendenza. La recinzione dovrà soddisfare sia l’esigenza del Comune di avere la massima apertura tra piazza Chievo e l’area a verde pubblico, sia l'esigenza dell’Inps di avere un'efficace delimitazione della proprietà privata.

Villa Marioni Pullè, di proprietà dell'Inps, verrà valorizzata urbanisticamente attribuendole tutte le destinazioni d'uso che, pur compatibili con il suo valore storico, le consentano di essere appetibile sul mercato immobiliare, in modo da garantirne il restauro e la corretta manutenzione nel tempo con fondi privati. Un successivo accordo di programma potrà quindi attribuire a Villa Marioni Pullè, mediante intervento edilizio diretto, le seguenti destinazioni: residenziale, commerciale, direzionale, turistico ricettiva. Entro 30 giorni dalla sottoscrizione del presente accordo, Inps e Comune di Verona costituiranno un tavolo tecnico operativo, presieduto dal rappresentante designato dal Comune, per la predisposizione dell'accordo di programma. L'Inps concederà a favore del Comune di Verona l’iscrizione di un vincolo d’uso a carico dell’eventuale privato acquirente o concessionario della Villa, con l'obbligo a lasciare una certa quantità di uso pubblico del complesso immobiliare: libero accesso della cittadinanza al Parco privato per una giornata al mese; uso gratuito di una sala interna di rappresentanza al Comune per almeno sei eventi l'anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento