rotate-mobile
Cronaca

Villa Pull: pronto il progetto di recupero

Ottenuto il via libera dalla Sovrintendenza dei beni culturali

Gli assessori ai Giardini Paolo Tosato e al Patrimonio Daniele Polato hanno presentato oggi il progetto definitivo per la manutenzione straordinaria e messa in sicurezza del parco di Villa Pullè, approvato dalla Giunta comunale a fine novembre. Erano presenti il presidente della terza Circoscrizione Luca Zanotto e i presidenti della commissione consiliare Lavori pubblici Alberto Zelger e della commissione consiliare temporanea Ambiente Marco Gruberio.

“La Giunta comunale – ha detto Tosato – ha previsto uno stanziamento di 350 mila euro per la riqualificazione degli 80 mila metri quadrati del parco del Chievo, per metà di proprietà del Comune e per metà dell’Inps. L’intervento sarà possibile grazie all’accordo stipulato tra l’Amministrazione e la società Gei di Trieste, che gestisce il patrimonio immobiliare dell’Istituto nazionale di previdenza sociale, il quale prevede che il Comune possa intervenire su tutta l’area verde. Questo parco di grande valore per gli alberi secolari che si trovano al suo interno, molti dei quali morti purtroppo per l’incuria – ha proseguito Tosato – merita di ritornare alla luce e di essere a disposizione di tutti i veronesi. Speriamo entro la prossima primavera di approvare in Giunta il progetto esecutivo per poi iniziare i lavori il prossimo autunno”.

“Il nostro obiettivo - ha detto Polato – è quello di recuperare spazi che le Amministrazioni scorse hanno lasciato al degrado, mettendo a disposizione della cittadinanza aree verdi che possono diventare luogo di integrazione. È importante infatti realizzare nuovi parchi, ma non possiamo dimenticare i patrimoni verdi che già possediamo. Per quanto riguarda la villa, che verrà recintata nel corso della riqualificazione del parco – ha spiegato Polato - abbiamo in corso una trattativa con l’Inps. Non vogliamo lasciare andare in decadimento l’immobile, ma piuttosto poterlo avere in comodato gratuito per poi sistemarlo e renderlo usufruibile”.


L’intervento, che ha già avuto l’autorizzazione della Forestale e della Soprintendenza ai Beni ambientali, prevede l’eliminazione delle piante morte; la bonifica e la potatura degli alberi malati e la messa in sicurezza di quelli pericolanti; il taglio dell’erba e delle erbe infestanti; la piantumazione di ippocastani e cipressi e di altre specie per ricreare il giardino all’italiana; la pulizia dei canali che garantiranno l’irrigazione del parco; la rimozione di alcune recinzioni; la rimessa in luce di alcuni punti panoramici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Pull: pronto il progetto di recupero

VeronaSera è in caricamento