Nuovi spazi per il Centro Residenziale "Al Parco” dell’Istituto Assistenza Anziani

Villa Monga si dota di nuove aule per la formazione degli operatori e le attività degli ospiti con un intervento di riqualificazione esteso su una superficie totale di circa 230 metri quadri

Il Centro Residenziale “Al Parco” dell’Istituto Assistenza Anziani di Verona  è ora dotato di nuovi locali, destinati alla formazione degli operatori e alle attività ricreative degli ospiti. Gli spazi, per un totale di circa 230 metri quadri, sono stati ricavati da una riqualificazione che si è resa necessaria per offrire un’adeguata risposta alle nuove esigenze sorte negli ultimi anni, fornendo così anche un nuovo locale per il servizio di parrucchiera

Si tratta di metrature che erano già autorizzate per attività di carattere generale, e i lavori sono consistiti quindi in una manutenzione ordinaria e straordinaria interna, per adeguare gli impianti non tanto alle norme, quanto alle nuove esigenze lavorative e assistenziali. L’Istituto Assistenza Anziani è  impegnato da tempo nell'organizzazione di convegni, corsi di formazione e corsi di aggiornamento, rivolti non solo al proprio personale ma anche agli operatori del territorio.  L'offerta  formativa si è ampliata con l'accreditamento ottenuto in qualità di provider ECM.

Tale riconoscimento permette di organizzare eventi formativi specifici per i professionisti della sanità validi per acquisire i crediti nell'educazione continua in medicina. L'Istituto, inoltre, è accreditato dalla Regione Veneto per la Formazione Continua e Superiore e certificato per il Settore Formazione secondo la norma Uni En Iso 9001:2008. Una parte dei nuovi locali destinati alle attività educative, oltre a garantire un ufficio degli educatori, daranno la possibilità di svolgere specifiche attività socio-relazionali e cognitivo-occupazionali in un setting adeguato, conforme alle esigenze dei vari interventi che vengono svolti con gli ospiti della struttura.
Nello specifico, i nuovo locali consentiranno di sostenere dei colloqui individuali e di gruppo con gli ospiti in forma riservata, e di svolgere le valutazioni socio-educative in un ambiente protetto e privo di interferenze esterne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sala delle attività verrà utilizzata per i laboratori creativo-occupazionali, tra cui lavori di taglio e cucito, pittura e attività di cucina. Infine i nuovi spazi consentiranno anche agli ospiti con problematiche di deterioramento cognitivo di attivare interventi multidisciplinari specifici (memory training, ROT, fluenza fonemica, musicoterapia) per rallentare la progressione della malattia di Alzheimer.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Il post Facebook del sindaco di Verona Sboarina sul virus e gli sbarchi dei migranti

  • Scuola, ecco il calendario per il Veneto: si parte il 14 settembre, si chiude il 5 giugno

  • Orologio da 40 mila euro rubato in gioielleria a Verona: padre e figlio in manette

  • Coronavirus: boom di contagiati in Veneto, fra cui pochi veronesi

  • Morto a 37 anni sulla A22, l'appello della moglie: «Cerco testimoni dell'incidente»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento