Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Zai / Strada della Genovesa

Vigili del Fuoco. La nuova centrale operativa sarà in funzione entro 5 anni

Il Comando provinciale si sposterà tra strada della Genovesa e via Apollo grazie alla riqualificazione di un edificio già esistente: un’opera da 24 mila metri quadrati e 15 milioni di euro

Entro cinque anni Verona avrà un nuovo Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, tra strada della Genovesa e via Apollo. Un’opera da 24 mila metri quadrati e 15 milioni di euro, finanziati per due terzi dal Ministero degli Interni e il restante dall’Agenzia del Demanio. Una moderna centrale operativa che sarà realizzata in un’area già di proprietà dello Stato, grazie all’accorpamento dell’attuale Motorizzazione civile con il Centro Prova Autoveicoli, collegata ai principali assi viari (autostrada A4, tangenziale sud e via delle Nazioni) e servita dal futuro parcheggio scambiatore del filobus previsto alla Genovesa.
Il progetto include la riqualificazione di un edificio già esistente, per gli uffici, l’alloggio del comandante e l’aula magna, e la realizzazione di due nuovi stabili dove verranno collocate le autorimesse, la mensa, le camerate e i magazzini. L’intervento, che dovrebbe essere ultimato entro il 2022, permetterà un risparmio di 350 mila euro l’anno per l’affitto dell’attuale caserma di via Polveriera Vecchia.

Lo hanno annunciato mercoledi mattina, in sala Arazzi, l’assessore ai Lavori pubblici e infrastrutture del Comune, insieme al direttore regionale del Demanio Dario Di Girolamo, al direttore interregionale Veneto e Trentino Alto Adige dei Vigili del Fuoco Fabio Dattilo, al comandante provinciale Michele De Vincentis. Presenti i progettisti Danilo Faelli, Francesco Mangano e Mario Scozzari.

Come sottolineato dall’assessore “questo progetto si inserisce nel recupero complessivo del compendio della Genovesa. Non possiamo che essere orgogliosi che un investimento così importante ricada sulla nostra città, per un nuovo comando che sicuramente garantirà un servizio migliore a tutela della sicurezza dei cittadini. Una struttura moderna ed efficiente, che contribuirà anche a riqualificare l’intera zona. In questo contesto, il parcheggio scambiatore assolverà quindi molteplici funzioni: ricovero mezzi, area di sosta fuori dal contesto residenziale servita da navette e mezzi pubblici, posteggio per quanti si recano alla motorizzazione o alla centrale dei Vigili del Fuoco”.

“Mentre a Padova e a Treviso si è scelto di acquistare le attuali caserme – ha spiegato il direttore Dattilo -, a Verona si è optato per la progettazione di un comando tutto nuovo che permetterà un ampliamento impensabile nell’attuale area di via Polveriera Vecchia. Il Governo, inoltre, ci ha anche garantito un potenziamento del personale, che farà di Verona l’unica provincia del Veneto ad avere un aumento di Vigili del Fuoco, grazie al quale sarà possibile un distaccamento ad est della città”.

La nuova sede ci permetterà di fornire un servizio migliore – ha spiegato il comandante De Vincentis – in quanto, nonostante l’allontanamento dalla città, saremo al centro delle maggiori vie di traffico e quindi sarà possibile in tempi brevi raggiungere tutto il territorio. Inoltre le modernizzazioni tecnologiche ci permetteranno di lavorare al meglio delle nostre possibilità”.

Il direttore del Demanio Di Girolamo ha infine voluto esprimere il suo più sentito ringraziamento “a tutti i soggetti coinvolti, si tratta infatti di una opportunità unica, resa possibile dalla sinergia tra istituzioni. Dopo una cinquantina di anni questo investimento ci consentirà di non pagare più il canone di locazione alla Provincia e ottimizzare un’area dello Stato, registrando così un risparmio economico, un recupero delle risorse pubbliche e un miglioramento della situazione lavorativa dei Vigili del Fuoco”.

Presentazione progetto caserma dei vigili del fuoco

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili del Fuoco. La nuova centrale operativa sarà in funzione entro 5 anni

VeronaSera è in caricamento