menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto Facebook)

(Foto Facebook)

È cominciato Masterchef Italia e il veronese Mirko conquista il grembiule

Il suo piatto ha conquistato tre giudici su quattro, ma ha lasciato a bocca asciutta la nuova giudice Antonia Klugmann, la cui reazione è stata furiosa. Una partenza in salita

Ieri, 21 dicembre, sono andate in onda su Sky Uno le prime due puntate del cooking show Masterchef. Già annunciata la grande novità tra i giudici, con Carlo Cracco che ha lasciato il posto ad un'altra chef stellata come Antonia Klugmann. Insieme a lei confermati Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Bruno Barbieri.

In queste prime puntate i quattro giudici devono valutare i piatti di colorono che sperano di partecipare al programma e quindi entrare nella rosa dei concorrenti della settima edizione di Masterchef Italia. E tra coloro che finora ci sono riusciti c'è anche Mirko, giovane e intraprendente veronese che ha chiuso la prima puntata dello show culinario. Mirko ha conquistato tre giudici su quattro e quindi potrà indossare l'ambito grembiule di Masterchef, ma la sua avventura parte già in salita.

Come piatto, Mirko ha proposto "Primavera all'italiana", un letto di bruscandoli, salsa di fragole e basilico su cui sono state appoggiate tre capesante. Ma i giudici di Masterchef sono quattro, così Bastianich, Cannavacciuolo e Barbieri hanno potuto assaggiare, ma la Klugmann è rimasta a bocca asciutta e la sua reazione è stata furiosa. Ciò nonostante, Mirko è riuscito a conquistare il favore della maggioranza dei giudici, che però lo hanno avvertito: la sua avventura a Masterchef potrebbe davvero durare poco se non farà di meglio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento