Veronese di 35 anni salvata da un'overdose in un hotel di Marghera

La donna si è ripresa solo dopo la somministrazione da parte dei sanitari del 118 di un farmaco di contrasto agli oppioidi, il Naloxone. Successivamente ricoverata in ospedale, le sue condizioni sono poi migliorate

(Foto generica di repertorio)

Gli agenti della polizia di Venezia stanno indagando sul caso di overdose che poteva costare la vita ad una veronese di 35 anni. Domenica scorsa, 29 dicembre, la donna è stata salvata dai sanitari del 118 nella stanza di un hotel di Marghera. La 35enne era in overdose e si è ripresa solo dopo la somministrazione di un farmaco di contrasto agli oppioidi, il Naloxone. Successivamente, la veronese è stata ricoverata in ospedale, dove le sue condizioni sono progressivamente migliorate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 21 al 23 febbraio 2020

  • Aveva un tumore al collo, neonata operata durante il parto a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento